Cronaca
Commenta

Le onde gravitazionali spiegate da un celebre fisico. Lunedì 4 novembre al liceo Aselli

Lunedì 4 novembre, il celebre fisico Giovanni Amelino-Camelia incontra gli studenti del Liceo Scientifico G. Aselli. L’appuntamento fa parte del ciclo nazionale La Scienza a Scuola 2019 di Zanichelli. La quinta edizione dell’iniziativa porta oltre 50 ricercatori nei licei ed istituti di diverse regioni italiane per raccontare a studenti e insegnanti le storie di chi lavora alle frontiere della ricerca. Sono storie che comunicano passione per la scienza e danno idee su cosa sappiamo e su che cosa stiamo per scoprire in matematica, fisica, chimica, biologia e medicina con particolare attenzione agli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu. Cosa sono le onde gravitazionali? E cosa sono in grado di raccontare sull’origine dell’Universo? Perché è importante studiarle?

Lo spiegherà il fisico Giovanni Amelino-Camelia agli studenti del Liceo Scientifico G. Aselli presso il Centro Pastorale Diocesano (via S. Antonio del fuoco 9/a, Cremona) nell’incontro “Relatività e Onde gravitazionali”. Docente e ricercatore dell’Università Federico II di Napoli, Amelino-Camelia è uno dei fisici italiani più autorevoli al mondo ed è stato inserito nel 2008 nella rosa dei sei possibili eredi di Albert Einstein per la rivista Discover Magazine. Teorizzate da Einstein, la scoperta delle Onde gravitazionali ha aperto la strada a un nuovo straordinario campo d’indagine del cosmo: l’astronomia gravitazionale. Gli incontri fanno parte della rassegna nazionale di 200 incontri “La scienza a Scuola” realizzati da Zanichelli in collaborazione con la rivista “Le Scienze”.

Un tour didattico da ottobre a gennaio in cui 50 tra ricercatori, docenti, divulgatori e personalità del mondo scientifico incontreranno studenti e insegnanti degli istituti superiori e licei d’Italia per spiegare le ultime novità della Scienza, con particolare attenzione agli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu per lo Sviluppo Sostenibile. Gli incontri sono riservati agli studenti e ai docenti delle singole scuole.

© Riproduzione riservata
Commenti