Cronaca
Commenta12

Ex Armaguerra: adottato il Piano attuativo, si apre la fase delle osservazioni

Via libera ufficiale della Giunta, nella seduta di questa mattina, all’adozione del piano attuativo per l’ambito di trasformazione ex Armaguerra, progetto che il vicesindaco Andrea Virgilio aveva portato in Giunta come comunicazione qualche settimana fa. Di oggi la delibera vera e propria che quindi darà il via al rilascio delle autorizzazioni per la realizzazione di uffici e di due medie strutture commerciali, di cui una il trasferimento del Lidl della stessa via Castelleone.

L’intervento adottato in Giunta si estende su una superficie complessiva di circa 40mila metri quadrati e superficie lorda edificabile di 15mila. Tre i  lotti previsti, due commerciali e uno  direzionale. Il Lidl andrà ad attestarsi nei pressi della rotonda. L’ingresso sarà dalla stessa via Castelleone, l’uscita invece dalla corsia di decelerazione verso la tangenziale. Tra le modifiche introdotte in seguito alle osservazioni, c’è il potenziamento del verde nell’area coinvolta e la ‘rotazione’ della posizione originaria dell’edificio in modo che l’uscita sia sulla rotatoria.  Il provvedimento di giunta darà il via libera ai successivi passaggi degli uffici tecnici, per il rilascio dei vari atti autorizzativi. verrà inoltre rifatto il sottopasso per l’Itis e ci sarà un percorso ciclabile.

La crescita del comparto commerciale in questa porzione della città porta con sè le preoccupazioni dei residenti, con la vicina via Sesto che proprio domani vedrà l’inaugurazione della nuova piattaforma commerciale da 11mila mq accanto al CremonaPo. “Vedere l’ex Armaguerra nelle condizioni in cui è attualmente non è un bello spettacolo”, conferma il presidente del comitato di Quartiere 1 Antonio Sassi, “è un intervento che ha i suoi aspetti positivi. Non credo che lo spostamento del Lidl produrrà un grosso cambiamento della viabilità in via Castelleone, piuttosto, potrebbe aggravare l’intasamento della rotonda che già oggi sopporta un carico veicolare di 45mila veicoli al giorno, praticamente a tutte le ore e con una percentuale consistente di veicoli pesanti”. Torna quindi d’attualità la questione dell’apertura del sottopasso del rondò, di cui esiste un impalcato realizzato come opera urbanistica a corredo del centro commerciale CremonaPo.

© Riproduzione riservata
Commenti