Commenta

Racconti della filanda illustrati
a CDI Barbieri da Museo
del Lino e fotografi Adafa

Il mondo della filanda, la tessitura del lino e soprattutto la lavorazione della seta, dal baco al filo, hanno animato sabato pomeriggio il Centro Diurno Barbieri di via XI Febbraio grazie alla narrazione di Stefana Mariotti, fondatrice del Museo del Lino di Pescarolo e alle fotografie del gruppo Fotografico Adafa. Un’iniziativa nata nell’ambito di #oltreilgiardino, il progetto di animazione dei nuovi spazi aperti al pubblico tra via XI Febbraio 56-60 e via Bonomelli 81, avviato la scorsa primavera per mettere a disposizione del quartiere un’area per l’incontro, il gioco e lo scambio intergenerazionale. Vista la stagione, l’iniziativa si è svolta all’interno del CDI, dove gli ospiti e i residenti degli alloggi ai piani superiori hanno rivissuto situazioni e immagini del loro passato, spesso intervenendo con ricordi personali mentre scorrevano le fotografie degli oggetti conservati nel museo. Immagini realizzate due anni fa da Alberto Bruschi, Tiziana Coppetti, Davide Volpi e Vito Gerevini del gruppo Fotografico Adafa con la tecnica del Light Painting, che utilizza fasci di luce puntati sui singoli oggetti in modo da farli risaltare sullo sfondo buio. Ad intervallare le spiegazioni di Mariotti, spesso interrotte dalle domande dei presenti, le poesie in dialetto di Giacinto Zanetti, che hanno fatto divertire, ma anche riflettere il pubblico, passando dai toni carnevaleschi a quelli sul vero spirito del Natale.

Presenti tra il pubblico gli ideatori di #oltreilgiardino: la presidente del consorzio Il Solco Cremona Giusy Biaggi, l’educatrice Monica Rebecchi per Cremona Solidale e la presidente di Fondazione Città di Cremona Uliana Garoli. Nell’occasione è stata ricordata la possibilità di contribuire all’abbellimento dello spazio verde aderendo alla raccolta fondi #oltreilgiardino (http://www.fondazionecr.it/oltre_il_giardino.php)

© Riproduzione riservata
Commenti