Commenta

Il violino Cesare Candi 1919
riprodotto da allievi di
Liuteria: giornata di studio

Si è svolto nell’Aula Magna della Scuola di Liuteria l’incontro dedicato al liutaio Cesare Candi nel 150° anniversario della sua nascita. È stata l’occasione per presentare agli studenti e ai liutai intervenuti non solo il percorso professionale ed artistico del grande liutaio genovese, riproposto per l’occasione da Fabio Perrone e da Alberto Giordano, ma anche per ammirare contemporaneamente il violino originale del 1919 e la copia scientificamente riprodotta dagli allievi della classe del maestro Massimo Negroni grazie ai rilievi condotti sull’originale dall’ing. Daniele Renzi.

Le voci dei due violini hanno avvolto l’Aula Magna e hanno restituito al pubblico note antiche e moderne. Posti l’uno accanto all’altro, in una sorta di continuità storica, i due violini hanno mostrato ai presenti tanto gli aspetti storici della liuteria italiana del Novecento quanto l’odierna capacità del “saper fare liutario” che, all’interno della Scuola di Liuteria, si rinnova e tramanda ogni anno con le giovani generazioni. La copia realizzata del “Candi 1919” rimarrà a Cremona nel Museo Organologico della Scuola di Liuteria e l’intero Progetto sarà raccontato in un volume di prossima pubblicazione grazie al sostegno del Lions Club Stradivari di Cremona rappresentato dal presidente Pierangelo Piccioni.

© Riproduzione riservata
Commenti