Commenta

Per gli studenti dell'Anguissola
campo di lavoro alla
Libera Masseria di Cisliano

Una giornata alla Libera Masseria di Cisliano, sequestrata alla mafia nel 2010 e confiscata definitivamente quattro anni dopo, oggi in assegnazione provvisoria alla Caritas Ambrosiana. L’esperienza di un giorno in un campo di lavoro l’hanno fatta giovedì 5 dicembre tre classi del liceo Anguissola di Cremona, accompagnati dai docenti e da una delegazione della Camera del Lavoro cremonese nel paesino di 5.000 abitanti nell’interland milanese. Al mattino, erano una sessantina i ragazzi, hanno partecipato ad un laboratorio civico nel quale è stata spiegata loro la storia della masseria, cos’era e cosa è diventata grazie all’impegno civile di operatori e volontari, e già nei possedimenti del clan ‘ndranghetista dei Valle.

Al pomeriggio c’è stato il tempo per un giro nella masseria, 10.000 metri quadri riportati a nuova vita dopo il sequestro, la confisca e gli atti vandalici di chi, famiglia Valle e non solo, si intrufolava in un’area (allora) abbandonata per squassarla, deturparla. Le cucine, la sala da pranzo, la taverna (la stanza delle torture per chi non pagava, secondo le inchieste giudiziarie sui Valle usurai). Locali ieri vandalizzati, oggi recuperati e presidio di legalità.

Simone Bacchetta

© Riproduzione riservata
Commenti