Un commento

Guasti ai treni e modifiche
alla circolazione: in ritardo
i treni del ritorno da Milano

Diversi ritardi sulla linea Milano – Cremona – Mantova, sia a causa di guasti, sia per l’incidente avvenuto nel pomeriggio alla stazione di Piacenza, che ha bloccato la circolazione tra il capoluogo emiliano e Codogno,  causando ripercussioni nella programmazione dei treni sulla linea che maggiormente interessa i pendolari cremonesi – mantovani. Il treno delle 18,20 da Milano, il 2661, è arrivato a Cremona con 45 minuti di ritardo, alle 20, 15 anzichè alle 19,28. Motivazioni, afferma Trenord: “a causa di un guasto al sistema di chiusura delle porte e perché, per esigenze di circolazione, ha dovuto effettuare delle fermate straordinarie”. In ritardo anche il treno precedente, 2659: “Il capotreno – scrive un passeggero sulla pagina Fb dei pendolari – dice che ha il sistema di comunicazione interno guasto, di fare passaparola: da Tavazzano a Codogno ferma in tutte le stazioni”.

Problemi anche sul 2663 delle 19.15 da Centrale che ha accumulato mezz’ora di ritardo per un problema tecnico al treno nella stazione di partenza e fermate straordinarie a Tavazzano, Secugnago e Casalpusterlengo: i viaggiatori diretti a Piacenza sono scesi a Codogno dove erano previsti autobus sostitutivi. Segnalati molti disagi da questo punto di vista con diversi pendolari che non avrebbero trovato posto sui mezzi alternativi.  Il treno è poi arrivato a Cremona alle 20,51. Per domani non è certo che la situazione venga risolta.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giuseppe

    Mi permetto suggerirvi di preparare in anticipo i pezzi sui disservizi Trenord così da risparmiare tempo, tanto ogni uno o all massimo due giorni ne avete bisogno.
    Se non è un incidente, è un guasto o un non motivato “ritardo nella preparazione del treno”.
    Vita da pendolare, ore di vita perse, appuntamenti saltati, orari di lavoro non rispettati, niente di che. Vita da pendolare.