4 Commenti

Trenord, 'sistema drogato':
l'attacco dell'amministratore
delegato di Fs Battisti

Un “sistema drogato” tra chi programma il servizio e chi lo gestisce: un duro attacco, quello dell’amministratore delegato di Fs Gianfranco Battisti, contro la gestione di Trenord. Una gestione (50% Trenitalia e 50% Ferrovienord) che “è in mano all’Azienda regionale. Noi diamo il nostro supporto e per il momento non è prevista una nuova offerta da parte nostra”. Nell’estate del 2017 Trenitalia offri’ alla Regione Lombardia la gestione del servizio regionale in cambio di una quota dell’1% di Trenord, ma l’offerta si concluse con una ridefinizione del rapporto tra i due gestori. “L’offerta di Trenitalia allaRegione Lombardia si concretizzò nel luglio del 2017 sotto la guida dell’allora amministratore delegato Renato Mazzoncini” fa sapere Battisti. “Il Manager, nell’ambito di un progetto che vedeva l’impegno del Gruppo nel Tpl in tutta Italia, mise sul piatto della Regione Lombardia la disponibilità di Trenitalia a gestire direttamente il servizio ferroviario regionale. In cambio Mazzoncini chiedeva l’1% della quota di FerrovieNord in Trenord a titolo di prestito per avere la maggioranza sulla joint-venture. Non se ne fece nulla e, per far fronte ai problemi del servizio ferroviario regionale, Trenitalia si impegnò a fornire materiale rotabile aggiuntivo”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Caber

    Perchè tanto dove gestisce direttamente trenitalia funziona tutto che è una meraviglia…

    • Sbirulino19

      Bella questa😄

  • Claudio Cornacchia

    In Trenitalia dipendenti con più esperienza e più attrezzata per le emergenze.

  • S-Bahn

    Ha ragione Battisti, Trenord in Lombardia è un sistema drogato, esattamente come Trenitalia in tutte le altre regioni è un sistema drogato