4 Commenti

Fratelli d'Italia lancia
l'iniziativa 'Fai un regalo a
Cremona: compra in città'

“Volendo fare un regalo alla città, noi tutti iscritti a Fratelli d’Italia Cremona invitiamo i cittadini cremonesi a preferire i negozi di commercianti e artigiani italiani, e cremonesi in particolare, per gli acquisti natalizi”. E’ questa l’iniziativa lanciata da Luca Grignani, coordinatore cittadino di Fratelli D’Italia, a nome del proprio partita. Per Grignani si tratta di un “regalo per sostenere il settore del commercio che a Cremona è sempre più in affanno, anche per la presenza di attività sempre più improvvisate, che in diversi casi eludono o ignorano le leggi e le normative relative al commercio e che fanno concorrenza non sempre leale ai commercianti storici e a quelle attività cremonesi in regola con tutti gli oneri”.

Il coordinatore di FDI ha quindi spiegato le ragioni dell’iniziativa: “La presenza sempre più numerosa di bazaar, discount di abbigliamento e accessori, frutta e verdura ed anche negozi di parrucchieri che in molti casi usano espedienti come le continue chiusure e riaperture per evitare le incombenze fiscali o che impongono ai dipendenti turni da caporalato, non ha certamente giovato al commercio cremonese”. “Anche la continua apertura – ha proseguito Grignani – di centri commerciali, supermercati, medie strutture di vendita alle porte della città che implementano e completano quelle già esistenti e sproporzionate come numeri rispetto alle dimensioni di Cremona, hanno contribuito – al pari del ricorso sempre più massiccio al commercio on line – a far soccombere tantissime attività presenti sul territorio da decenni, agevolati dalla minor disponibilità economica delle persone dovuta alla crisi”. L’invito di Fratelli d’Italia va dunque nella direzione di “promuovere e sostenere in modo concreto quelle attività locali che continuano a resistere sul territorio” ed è “rivolta a tutti i cittadini ed è estesa a tutti i negozi e laboratori di artigiano del territorio comunale”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Quindi…. per i “meloni’s Boys” bisogna acquistare dai cremonesi (di nascita???), Non dai cinesi (basta sushi da Gianni Kandoo mi raccomando)… Non nei centri commerciali (dobbiamo diversificare se sono italiani o meno???)… Però se un negozio ha un punto vendita in centro e uno all’ipercoop che facciamo????
    Hahahahaha…. Ormai è una gara tra FI e Lega a chi ne spara più… 😂😂😂.
    Chissà se hanno un cellulare Samsung e viaggiano su Honda 😂😂😂

    • Ronni

      Ma che testa di c…..sei ???!!!!

      • YX

        Perchè dovete sempre insultare chi non è d’accordo con voi… Siamo in democrazia, accettiamo anche le opinioni diverse. Forse non hai colto, tra le righe, il messaggio… In questa società ormai così diversificata è multietnica è sempre più difficile scegliere di “andare da uno oppure da un altro” alla luce dei bassi stipendi che abbiamo… Voi Meloni Boys non vi sento mai protestare per far aumentare gli stipendi ai lavoratori, se fosse così forse qualche bottega del centro ce la potremmo permettere anche noi, non trovi ????? Forza dai !!! fate un favore a chi lavora tutto il giorno, andate nelle strade a chiedere un aumento degli stipendi !!!

      • Angelo Dellamorte

        testa di cremonese volevi dire?