16 Commenti

Piazza del Comune a luci
ridotte: così (forse) si risparmia,
ma svanisce tutta la bellezza

Piazza del Comune è buia, senza più quelle luci (se si esclude la facciata del duomo e la cuspide del Torrazzo) che avevano portato l’immagine della nostra piazza sulle copertine delle riviste di mezzo mondo. Spente le luci alla base del Battistero, azzerate le luci sul palazzo comunale che esaltavano l’alternarsi dei pieni e dei vuoti, buia la base in cotto del Torrazzo, spenti i fari che dai tetti del palazzo della Libera Associazione Agricoltori illuminavano la piazza e la loggia della Bertazzola. “Ville de Lumière” era il titolo del capitolo del volume edito da Aem che celebrava la nuova illuminazione del centro storico, progettata da Roland Jeol nel 1998 quando si aveva il coraggio di guardare all’Europa e a quel genio dell’illuminazione che aveva creato il suggestivo piano luci di Lione o il progetto per la facciate dell’Ermitage di San Pietroburgo o del teatro di Taormina o delle mura di Lucca. Dello splendido progetto di Jeol non rimane più nulla, cancellato dal clima del “risparmio” energetico a tutti i costi e dal disinteresse per l’esaltazione del bello che l’illuminazione di Jeol ricercava. Tant’è che Boris Ostanin musicologo russo in visita alla città nel 2015 disse arrivando sulla piazza: “Quello che ti sorprende di più, specie quando arrivi al suo cuore pulsante, sono il Torrazzo e l’illuminazione pubblica. Un gioiello che arricchisce la preziosità della storia di questa città” . Tutto dimenticato. Tutto cancellato. Ma il buio, frutto di trascuratezza, colpisce anche piazza Marconi e la struttura in cotto del Museo del Violino. I lampioni a boccia sono quasi tutti spenti. Restano solo le luci sui bracci laterali che lasciano nella penombra la piazza.

Mezza al buio anche piazza Marconi

Un altro particolare di piazza del Duomo poco illuminata

Nella foto di Francesco Sessa, l’illuminazione che ha contraddistinto la piazza dal 1998

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sbirulino19

    L’importante è che i centri commerciali siano scintillanti!

    • Chicca

      Hai ragione !!!

    • Mirko

      Concordo

    • Gianluca

      Spostiamo il Duomo in via Sesto, sarà bello illuminato e potremo andare a messa in bici.

  • Chicca

    Ma luci led ???? Non consumano tanto !!

  • Gherardo

    Povera Cremona….. ma il signor sindaco non dice niente???

  • Abiff

    Ditemi una sola cosa che questa amministrazione ha azzeccato. Una sola.

  • fabry20023

    In compenso stamattina ore 8,20 luci accese in tutte le strade. Eh gia’ a Cremona non
    esiste il crepuscolare. Complimenti a chi ha deciso di appaltare l’illuminazione della nostra citta’ alla ditta Citelum, non ne azzecca una.

  • Gianluca

    Tutti i giorni un problema nuovo. Sempre peggio. E dall’amministrazione manco una risposta, una presa di posizione, una proposta. Il nulla assoluto. Di questo passo dovremo uscire di casa con le candele.

  • riccardo80

    Le luci di Jeol riuscivano a rendere suggestiva perfino piazza Stradivari ora anch’essa buia e spettrale, così come piazza S. Antonio Maria Zaccaria e la facciata verso largo Boccaccino ….in pratica l’illuminazione progettata da Jeol , che poteva piacere o meno ma aveva una sua logica , una sua coerenza e un forte impatto estetico, è stata semplicemente lasciata senza manutenzione fino al degrado e allo squallore attuali . Bell’esempio di cura degli investimenti e del bene pubblico ….a meno anche questo non sia un altro modo di “fare nuova la città” !

  • Orto

    Nell’imbarazzante silenzio dell’amministrazione assistiamo ogni giorno all’impoverimento della città. Diranno che le luci soft (spente) valorizzano l’aspetto nebbioso della città. Invece no! Non ci diranno un caxxx… Non ci diranno perché facciamo esattamente l’opposto degli altri, che con giochetti di luci led valorizzano i monumenti che hanno ed invogliano a passeggiare per le strade e per le piazze. Noi no. Togliamo e spegniamo le fontane. Spegnamo le piazze. Riduciamo i festival. Ignoriamo le firme dei cittadini. Accidenti a me, sig. Sindaco, quel giorno che le ho dato il voto….

    • riccardo80

      Cosa aspettarsi da una amministrazione che , dopo mesi, non riesce nemmeno a far funzionare la (brutta …. visto come l’hanno ridotta) fontana di Porta Po , o quella delle Naiadi in piazza Roma , da anni ridotta a vasetto da fiori ? E che dire di una opposizione incapace e silente mentre la città collassa ? La storia delle luci di Jeol è emblematica di una città che si spegne

    • Gemelli

      Non si abatta . La prenda come una battuta,”Pregherò per Lei e per gli altri quando spsteranno il Duomo ivia Sesto” ‘

  • riccardo80

    Una città che si spegne ….e non solo in centro . Cremonaoggi non faccia solo denuncia , la cosa più facile , ma faccia inchiesta : come e perché siamo arrivati a questo?

    • Abiff

      Semplice. Basta vedere chi ha votato la maggior parte dei cremonesi alle ultime amministrative. Se i cremonesi hanno premiato l’operato di questa amministrazione, al punto di rielleggerla, non vi è nulla di dui lamentarsi. Purtroppo.

      • riccardo80

        L’impressione è che parecchi comincino ad esserne pentiti