Commenta

Coronavirus: un medico
e un'infermiera del PS
di Crema in rianimazione

Si aggrava il bilancio dei contagiati sul territorio cremasco. Un medico anestesista e un’infermiera del pronto soccorso cittadino sono ricoverati in rianimazione: entrambi sono risultati postivi al test per il Covid-19.

L’ospedale di Crema sta vivendo una situazione critica a causa dell’emergenza Coronavirus. A sostenerlo è la stessa direzione dell’Asst che sottolinea come siano “continue richieste di intervento per pazienti compromessi, che necessitano di assistenza ventilatoria e ricovero in Terapia Intensiva”.

Molti dei pazienti del lodigiano sono stati dirottati sul cremasco e la situazione è complessa. Per fronteggiarla l’ospedale di Crema, ha sospeso le attività in elezione e  ha provveduto a riorganizzarsi internamente, per destinare a pazienti sintomatici il 5° e il 6° piano della struttura ospedaliera, per un totale di 70 posti letto. E’ inoltre in corso l’individuazione di un’ulteriore area con posti letto da destinare ai pazienti in osservazione dal Pronto Soccorso.

Chi arriva in pronto soccorso si ritrova ad attendere interminabili ore. L’eccellenza del servizio è stata garantita “nonostante le molteplici difficoltà riscontrate nella gestione di un numero così considerevole di pazienti complessi”. L’Asst è stata rifornita di dispositivi di protezione individuale per tutti gli operatori sanitari e per i pazienti ricoverati.

© Riproduzione riservata
Commenti