5 Commenti

Galimberti: 'Qualche piccolo
segnale positivo ma siamo
lontani da fine emergenza'

Sindaco dalla quarantena: non abbassiamo la guardia!

⚠️ CORONAVIRUS - STO MEGLIO ANCHE SE ACCIACCATO. NON ABBASSIAMO LA GUARDIA E LAVORIAMO A NUOVE EMERGENZE E NUOVI BISOGNI SOCIALI E SANITARI! - AGGIORNAMENTO ORE 12.43‼️ Segui gli aggiornamenti sulla pagina ‼️

Pubblicato da Gianluca Galimberti su Giovedì 26 marzo 2020

Dalla sua stanza, dove sta facendo la quarantena, il sindaco Gianluca Galimberti torna ad esortare i propri cittadini: di avere forza, di continuare a resistere, perché sebbene i numeri sembrino indicare un calo nella crescita dei contagi, siamo ben lontani dalla fine.

“Faccio questo video dalla camera da letto in cui sono isolato e con la barba lunga. Vi chiedo scusa per questa informalità ma ci tengo a condividere con voi anche da questa quarantena alcune cose” scrive il primo cittadino. 

“In questi giorni sembra che qualche segnale positivo sulla diminuzione della crescita dei contagi ci sia. Forse! Può essere una buona notizia (anche se ricordiamoci sempre che il numero dei contagi dipende dal numero dei tamponi che si fanno e, se si scegliesse di farne altri, ad esempio nelle Rsa, potremmo avere dati differenti) ma siamo assolutamente lontani dalla fine dell’emergenza. I numeri ci devono spronare a continuare con i sacrifici che stiamo facendo perché sono importanti e servono. Vi prego non è il momento di abbassare la guardia, ma di stringere i denti ancora e di continuare a rispettare le misure che ci hanno dato. E ringrazio infinitamente tutti quelli che lo stanno facendo e sono moltissimi. So che si fa fatica, che è un periodo duro anche di solitudine e di lontananza per molte famiglie, ma è indispensabile per il bene di tutti. 

In tanti in questi giorni mi hanno inviato auguri e chiesto come sto. Vi ringrazio per la vicinanza. Io sto meglio, anche se sono stanco e acciaccato. Devo stare ancora monitorato e riguardato perché l’evoluzione del virus si ha in circa due settimane. Mi sento fortunato perché sto vivendo questo virus in una forma al momento non grave, cosa che non è cosi per molti cittadini, anche adulti e giovani, non solo anziani, che in questo momento stanno soffrendo e combattendo in ospedale e a casa. A tutti loro e alle loro famiglie vanno il mio sostegno e la vicinanza. E intorno a tutte le famiglie di chi non ce l’ha fatta, ci stringiamo con dolore e con affetto.

In questi giorni sto lavorando da casa in quarantena, insieme alla Giunta, ai Servizi sociali, ai funzionari del Comune, alla Protezione civili, al mondo del terzo settore e ai tanti volontari che ringrazio, per affrontare le nuove emergenze che sono sociali e sanitarie al tempo stesso. Ci sono sempre più persone che vengono dimesse dall’ospedale e che hanno bisogno di assistenza o che devono rimanere in quarantena o che vivono nella solitudine. Ecco, Cremona sta dando prova di saper creare una rete fondamentale per essere di aiuto ai più fragili, anche e soprattutto in questo periodo di emergenza. Andiamone orgogliosi e continuiamo a fare la nostra parte rimanendo a casa, rispettando le misure, attivandoci, anche senza uscire, con le persone più fragili, contattandole, facendo sentire loro la nostra vicinanza, continuando ad alimentare speranza. Ce la faremo ma ora è il momento di resistere ed essere ancora più rigorosi, perché siamo comunità, e il destino di ognuno è intrecciato al destino degli altri”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Chicca

    Ma la tengono informato !!!

  • Ronni

    Caro signor sindaco , le faccio di cuore i più sinceri auguri di pronta guarigione a lei e a tutte le persone che soffrono a causa di questo virus ed anche a quelle che indirettamente ne sono stati colpiti !! Come Cremona stiamo dimostrando di esserci ritrovati come comunità .. una splendida comunità che nelle difficoltà si è stretta attorno a al prossimo e la ringrazio per esortare la cittadinanza in tal senso . Pensando poi al “dopo virus “ che tutti ormai sappiamo purtroppo sarà ugualmente duro è traumatico spero che lei possa e sia messo in condizione di dare finalmente una “casa “ a questa splendida comunità e cioè la nostra bellissima città come era qualche anno fa.. con strade negozi e vita … vita che poi è aggregazione e cultura . So che lei è una persona con grandi valori solidali capace e intelligente e spero possa attuare un piano eccezionale per noi tutti e per la “nostra casa “ . In bocca al lupo e tanti auguri di pronta guarigione .

  • Cicileu Ieu

    Tonio Cartonio del Fanta Bosco sindaco di Cremona

  • Antonio Q.

    Vedi caro Sindaco,
    Innanzitutto mi dispiace umanamente se stai male….dopodiché ti dico che se tu sei e ti senti vicino a tutti coloro che soffrono in ospedale ci può anche interessare…ma vedi….si da il caso che tu sia il SINDACO…il responsabile sanitario della tua comunità….quindi da te ci si aspetterebbe qualcosa di più concreto delle tue sempre belle parole….ci si aspetterebbe fatti….quando dici se si facessero i tamponi nelle RSA lo dici quasi come se non si facessero perchè i cattivi medici delle RSA non li vogliono fare….ed allora mi chiedo in tutte le riunioni a cui hai partecipato perchè non lo hai preteso?…..
    Vedi caro Sindaco…..tu appena hai avuto 2 linee di febbre ed un colpo di tosse….ti hanno fatto il tampone per sapere cosa avevi….a noi invece….i tuoi cittadini….quelli di cui parli orgoglioso perchè fanno di Cremona quello che tu dici….con 2 linee di febbre ed un colpo di tosse hanno detto state a casa e non rompete…..te lo sei mai chiesto questo?…secondo me no….ma adesso che hai tempo per riflettere con la barba lunga (nessuno di ha impedito di farla) bene prova a riflettere su queste cose…magari diventi un sindaco migliore

  • Chicca

    Sindaco,le auguro di guarire presto, però mi dica perchè a lei hanno fatto il tampone e a mio fratello che ha i suoi stessi sintomi no ?? Non siamo tutti uguali! ! Non è giusto! Eh eh eh !!!!