12 Commenti

Fontana: 'Diminuiscono gli
spostamenti delle persone,
-7% rispetto a una settimana fa'

Fontana ha iniziato la conferenza stampa di oggi da Palazzo Lombardia chiarendo le sue frasi di ieri: “Anche oggi c’è stato un processamento di maggiori tamponi, ma si assiste ad una riduzione del numero dei contagi. La cosa ci fa piacere. E’ la dimostrazione che bisogna fare la media di almeno 5 giorni per avere una visione. Quello di ieri è stato un episodio determinato da una situazione assolutamente particolare: sicuramente non sta crescendo la linea dei contagi. Si va verso la stabilizzazione e penso che stia per iniziare la discesa. Fare i sacrifici costa fatica  ma porta ottimi risultati; a Wuhan c’è la prova che questi sacrifici hanno portato al blocco completo dei contagio. Dobbiamo anche noi continuare a rispettare le regole”.

“Un ulteriore aspetto positivo è che dalle celle telefoniche  si è accertato che la percentuale degli spostamenti si è ridotta: dell’1% rispetto a ieri e del 7% dalla scorsa settimana”.

Per quanto riguarda i tamponi, Fontana ha espresso apprezzamento per la decisione dell’Iss di estenderli anche a chi presenta un solo sintomo da Coronavirus. Alla domanda se ve ne siano a disposizione in numero sufficiente, ha risposto che il problema non è il numero di tamponi, ma il processamento: “Coi nostri laboratori siamo arrivati al limite: poco più di 5000 tamponi al giorno e in quella direzione continuiamo ad andare, nella considerazione che adesso li si potranno fare anche ai mono sintomatici”.

E riguardo alle Rsa, “si fanno delle scelte a seconda della necessità; si dovranno individuare le persone che sono anche portatori di un solo sintomo e verranno sottoposte a tampone e saranno allontanate. Faremo valutazioni distinte case di riposo per casa di riposo. E’ sicuramente un problema alla nostra attenzione”. Una frase che ancora non chiarisce quello che i sindaci cremonesi e casalaschi hanno chiesto ieri a gran voce proprio alla Regione: l’estensione dei tamponi anche agli ospiti delle strutture e non solo ai dipendenti.

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Chicca

    Vediamo se mi pubblicate il commento , ho detto perchè una grande fabbrica metalmeccanica è aperta,e certi colorifici sono aperti !!!?????

  • Chicca

    Il mio primo commento è stato tolto perche ho fatto nomi!non si può vero !!!

  • Edmondo Trivella

    Ahhh, con 1050 strutture accreditate (per prender soldi pubblici) la sanità lombarda non riesce a processare più di 5000 tamponi al giorno cioè 5 al giorno per ogni struttura accreditata ? Congratulazioni sig. presidente !

    • Cremonaoggi

      Sono 22 i laboratori regionali che processano il coronavirus

      • Edmondo Trivella

        Appunto: prima di accreditare una struttura ritengo sia opportuno verificarne la complessiva capacità operativa anche in situazioni di emergenza , che a prender soldi con l’ esame delle urine e della glicemia (che ci sia l’ epidemia o meno) bastano le farmacie !

        • disqus_89B0CIpbDN

          appunto.. ma anche no.

          sono oltre 200 tamponi al giorno per ogni laboratorio accreditato; Lei conosce quanto tempo ci vuole per l’analisi?

          Conosce quale grado di priorità abbiano per gli esami?

          E’ convinto che prima facciano analisi di urine e glicemia, e poi passino al coronavirus?

          E’ in grado di creare un metodo per “verificare la complessiva capacità operativa anche in situazioni di emergenza” di ogni laboratorio?

  • lucanab83

    Il ns governatore settimana scorsa ha osservato come il 40% delle persone era ancora in giro e secondo lui erano troppe, ha chiesto e ottenuto maggiori restrizioni e oggi dice che siamo calati del 7%… migliorata molto la situazione!!! Si continua a dare più valore ai soldi che alla salute delle persone!!!!

  • Sbirulino19

    Quindi tutto sto casino per bloccare tutto col risultato di ridurre solo il 7% di mobilità… continuo a pensare i dati delle celle siano fasulli come quello che ci hanno detto certi virologi…

    • Chicca

      Anche a me sorgono dubbi !!!

  • Paolo Fedele

    Vorrei farvi sapere che, visto il discorso di non intasare più gli ospedali perché al collasso, i medici di base stanno cominciando a ricettare il plaquenil come terapia da fare a casa ma, caso strano, non si trova in farmacia!!!!! Viene ordinato tutti i giorni ma non arriva in farmacia…. Mi spiegate il perché?