Commenta

In un Duomo completamente
vuoto è tornata la diretta
della messa su Cremona1

Dopo due settimane è tornata la diretta dalla Cattedrale di Cremona sulla nostra televisione, con il servizio realizzato dal Centro Televisivo Diocesano, dopo le due domeniche dal Santuario di Caravaggio. Nel Duomo completamente vuoto è risuonato il “Purificami Signore”, cantato da don Ghisolfi e con il maestro Fausto Caporali all’organo. Presenti solo i due lettori, una suora e una laica. Poi l’inizio della messa celebrata da monsignor  Ruggero Zucchelli  che ha dato corpo al senso di questa celebrazione : “A voi un abbraccio che vuol portare tutti qui nella nostra Cattedrale”.

La lettura del Vangelo è con “la Resurrezione di Lazzaro”. “Non potete immaginare cosa provo nel celebrare l’eucarestia nella cattedrale deserta dove tutto parla di arte e fede. – ha detto monsignor Zucchelli – Tutti i giorni sentiamo il triste elenco dei contagiati e dei morti. E’ il dolore e il vuoto che hanno provato le sorelle di Lazzaro. Lui muore e lo seppelliscono. Nei giorni del pianto, quando sembra non ci sia più nulla da fare, Gesù va da Lazzaro. E Dio irrompe con la sua Grazia”.

Don Ruggero ha poi concluso: “L’epidemia che ci affligge ci fa capire che non possiamo andare avanti come prima, la tecnologia e il benessere crescente ci ha portato via dai veri valori della solidarietà. Dobbiamo ricostruire non la città degli utenti ma quella degli uomini”.

Dopo l’Eucarestia, la preghiera per la Comunione spirituale.

La benedizione finale con il pensiero di Papa Francesco: “Ci troviamo tutti nella stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti