Commenta

Uniti per la provincia di
Cr: acquistati 147 letti per
ospedali Cr e Oglio Po

La notizia è di quelle che scaldano il cuore e infondono forza e coraggio per continuare, soprattutto alla quinta settimana dall’inizio dell’emergenza sanitaria in corso.

Grazie all’iniziativa Uniti per la provincia di Cremona sono stati acquistati 147 letti di ultimissima generazione (Top di gamma): 7 per la Terapia intensiva di Cremona, 8 per la Terapia intensiva di Oglio Po e 132 per la degenza ordinaria che verranno distribuiti, in base al reale bisogno, in entrambi i presidi ospedalieri dell’Asst di Cremona.

“E’ proprio vero, l’unione fa la forza, mai come in questo momento ne abbiamo prova ad ogni istante” commenta Giuseppe Rossi, direttore generale dell’Asst di Cremona. “Come ho avuto modo di ripetere da quando sono arrivato qui, una delle cose che mi hanno più colpito è stata la generosità di questo territorio; una generosità radicata nel tessuto sociale attraverso l’impegno dei singoli cittadini, delle associazioni e del mondo imprenditoriale. Nell’emergenza tutto questo patrimonio di attenzione verso il bene comune si è amplificato”.

“Questa importante donazione, dall’imprescindibile valore umano oltre che economico ha un duplice effetto: il primo è immediato, funzionale ad affrontare la criticità del momento” spiega Rossi. “Il secondo è teso al futuro. I 147 nuovi letti rappresentano una dotazione permanete per i nostri ospedali che ci consente, sin d’ora, di pensare al dopo emergenza e di ri-progettare al meglio le nostre strutture, in termini di comfort e alte tecnologie a favore dei cittadini”.

“Non posso che esprimere un ringraziamento sentito ad ogni singola persona che sta offrendo il suo contributo, che si sta rendendo disponibile per aiutare” conclude Rossi. “Tutte le donazioni, al di là della loro entità, sono accomunate da un’unica matrice, quella che caratterizza il nostro essere umani e solidali, nel profondo. Qualcosa che ci unisce nel concreto, oltre i confini e senza campanilismi di sorta”.

© Riproduzione riservata
Commenti