Lettere
Commenta5

'Vicini rumorosi e molesti. Ma
per assembramenti in luoghi
privati non si può intervenire'

da Una studentessa

Caro direttore,
sono una studentessa che in questa domenica 24 maggio mi trovo a casa per studiare per gli esami imminenti dell’università. Ovviamente in questo periodo non è possibile recarsi in luoghi pubblici per poter studiare, sono chiuse le biblioteche, le aule studio, le aule universitarie. Per questo l’unico luogo in cui sia ragionevole studiare, anche per tenersi lontani dalla possibilità di contagio, è la propria casa.
Però l’attività di studio diventa molto complicata quando i vicini sono rumorosi e molesti. Soprattutto quando organizzano feste di compleanno a domicilio, come oggi.
A partire da mezzogiorno in Piazza Vida si assiste ad un assembramento di almeno una ventina di persone intente a gridare, ridere, cantare. In questo periodo di fase 2 questo ovviamente è vietato su una piazza o in un parco o in un locale pubblico, ma è consentito in una abitazione privata.
Dopo tre ore di attesa sperando che la situazione migliorasse chiedo l’intervento dei vigili, se non altro per far abbassare il volume della voce a persone che allegramente si ritrovano sul balcone di casa a festeggiare. La risposta è che il DPCM vieta gli assembramenti in luoghi pubblici o aperti al pubblico per cui non possono intervenire, e che se devo lamentarmi devo chiamare l’amministratore del condominio perchè loro non se ne occupano. Io faccio notare che non vivo nello stesso palazzo, per cui non ho idea di chi sia l’amministratore e poi è domenica. Non è un problema loro. Da questa fantastica esperienza deduco che io non ho la possibilità di frequentare i corsi di studio in presenza, non posso accedere alla biblioteca o alle aule studio per evitare gli assembramenti e il contagio, ma queste stesse riunioni sono permesse nelle case private. Davvero molto logico. Ovviamente ringrazio molto i vigili per la loro solerzia nell’intervenire. Sono passate e 18, la festa continua, ma nessuno si è visto.

Una studentessa

© Riproduzione riservata
Commenti