Cronaca
Commenta4

La nostra provincia divisa va piano, gli altri corrono

Mentre la provincia di Cremona si fa delle pippe, gli altri territori sgomitano.
Loro corrono, noi camminiamo. Alle gazzelle preferiamo i bradipi.
Secondo un parlamentare cremonese defunto siamo dei ruminanti, rispettosi e coerenti con l’agricoltura, fiore all’occhiello della nostra terra.
Avevamo un’Asl autonoma. Ora dipendiamo dall’Ats valpadana di Mantova.
Il Parco dell’Oglio ha sede a Orzinuovi (Brescia). Quello del Serio a Romano di Lombardia (Bergamo).
Lgh, municipalizzata di Cremona, punta di diamante tra le multiutility di medie dimensioni, è stata ceduta per il 51 per cento ad A2A, che di cremonese ha le azioni acquisite sotto il Torrazzo.

Per alcuni, la vendita è stata una grazia ricevuta dal cielo, scordando che la Madonna o altri del suo giro intervengono solo nei casi disperati. Ora Milano decide. Cremona esegue ed è felice. Da padroni a sudditi. Accontentarsi è un pregio, spesso una virtù, qualche volta masochismo. Per essere vincenti, è necessario altro.
I collegamenti ferroviari Cremona-Milano e Crema-Milano e viceversa sono tra i peggiori della Lombardia. Da decenni i pendolari – lavoratori e studenti – protestano e rivendicano un servizio migliore. Politici e amministratori pubblici ascoltano e condividono. Promettono e non mantengono. La contestazione riprende. Le promesse pure. Altro giro altro regalo, ma i pendolari non lo vincono mai.

La Provincia non se la fila nessuno. In piazza Duomo a Crema, a ringraziare i medici cubani per l’aiuto fornito al territorio nella lotta contro il covid-19, c’erano autorità civili e religiose. A nessuno di loro è stato negato il microfono per il minuto di gloria. Fosse stato presente il presidente della bocciofila cittadina sarebbe stato concesso anche a lui. Non è avveenuto per presidente della Provincia, silenziato nonostante fosse in prima fila con fascia azzurra a tracolla ed espressione assorta.

«Sono il signor Wolf risolvo i problemi». A noi manca un Harvey Keitel che interpreti questo ruolo e un Quantin Tarantino che guidi la troupe.
La classe politica dirigente non s’inventa, si forma. Ma con i partiti trasformati in ectoplasmi la tradizione è caduta in disuso. A onor del vero da noi, attori e registi non sono mezze calzette, ma calzette intere. Brave persone, svolgono il compitino senza strafare. Musil avrebbe detto sono uomini senza qualità, che non è un’offesa. Non significa scartine, ma neppure stelle polari. Neanche stelle. Sono travet.

Cremona è aristocratica, ma un po’ fané. Ha violini, torrone e vacche in Fiera. Ha l’Arvedi, che è come la Fiat a Torino e Ronaldo nel calcio italiano. Poi ha l’Associazione industriali, meritevole di elogio per il Masterplan 3, strada da percorrere per rilanciare il territorio. Il problema è intraprenderla.
Crema è supponente, guarda a Milano, si crede trendy. E’ fighetta. Ha il Polo della cosmesi. E’ repubblica del Tortello e patria dell’organo, ma non sempre è intonata. I sindaci si sono inventati l’Area Omogena, che è già divisa e il presidente non partecipa alle riunioni ufficiali. E’ mancato a quella dei cubani e alla successiva con i militari italiani che hanno impiantato l’ospedale da campo. Gli altri sindaci c’erano.
Casalmaggiore è lontana, distaccata. Ha i pomodori, piazza Garibaldi con il Listone e il museo del bijoux. Ha Le Bine, una riserva naturale gestita dal Wwf, e consigliata dalle baedeker per ambientalisti.

Cremonese, Cremasco, Casalasco formano una Provincia unita sulla carta, non nella realtà. Da soli i tre territori non vanno da nessuna parte. Insieme potrebbero spuntare molto ai tavoli che contano, ma la probabilità che ciò accada è pari a quella di risolvere in tre minuti il cubo di Rubik.
Nelle istituzioni che fanno la storia, la provincia può contare su un parlamentare a Bruxelles, cinque a Roma e tre consiglieri regionali a Milano. Ma il può contare è frutto dell’ottimismo.

Nella squadra figurano altri due parlamentari nazionali, ma sono crediti inesigibili messi a bilancio. I giornalisti sportivi li chiamerebbero meteore, giocatori che presentati ai tifosi in pompa magna scompaiono senza neppure una presenza in panchina.
Il primo, è un deputato pavese, sessantenne della Lega. Eletto nel collegio uninominale Lombardia 4-05 comprendente una cinquantina di comuni cremonesi, una trentina di mantovani e una decina bresciani, è al terzo mandato parlamentare.
La seconda, una senatrice cuneese di Fratelli d’Italia al quarto mandato parlamentare, è andata a Roma con i voti del collegio uninominale di Lombardia 17 che drena i voti di cremonesi, cremaschi e lodigiani.
La nostra provincia è l’isola non trovata. Bella più di tutte «svanì di prua dalla galea come un’idea; è andata via come una splendida utopia e non tornerà più».
Smentiamo Guccini. Basta pippe, meno fuffa, più concretezza. Lavoriamo insieme perché l’isola bella più di tutti ritorni.

Antonio Grassi – sindaco di Casale Cremasco Vidolasco

© Riproduzione riservata
Commenti