Commenta

Carcere di Cremona,
sequestrati 5 cellulari
e 9 grammi di hashish

Droga e cellulari scovati in carcere a Cremona dopo una perquisizione effetuata dalla Polizia Penitenziaria nella giornata del 30 giugno. Gli agendi, al termine di un’articolata indagine, hanno infatti rinvenuto 5 telefoni cellulari e 9 grammi di hashish. Il tutto è stato posto sotto sequestro e si trova ora al vaglio degli inquirenti della penitenziaria per ulteriori accertamenti.

“Un plauso al reparto di Polizia Penitenziaria del reparto cremonese che, dopo aver partecipato alla Messa, celebrata presso la chiesa di San Sigismondo, in occasione del Santo Patrono – San Basilide, non si è fatto distrarre dal giorno di festa per garantire l’ordine e la sicurezza all’interno dell’Istituto” evidenzia il sindacato Sinappe. “Va sottolineato poi come, in un momento di piena emergenza sanitaria, assume ancora più valore l’attenzione con la quale viene svolto il delicato compito assegnato”.

“E’ inconcepibile” ha dichiarato Antonio Fellone, segretario nazionale del sindacato Sinappe “che l’introduzione e l’uso proibito dei telefonini in carcere non riporti ancora ad un reato penale e non si comprende” ha continuato “come non si sia ancora provveduto ad una schermatura di tutti i penitenziari italiani, al fine di evitare un illecito sempre più frequente.

In attesa pertanto di significative decisioni da parte del Governo in tal senso, si deve ringraziare l’ottimo operato dei poliziotti penitenziari per i quali appare più che opportuno attivare l’iter procedurale per l’attribuzione di formale riconoscimento. Si auspica inoltre che l’evento sia tenuto in debita considerazione all’atto della compilazione dei prossimi rapporti informativi”.

© Riproduzione riservata
Commenti