2 Commenti

Un concerto all'alba
sulle rive del Po:
appuntamento il 23 agosto

UN CONCERTO ALL'ALBA SULLE RIVE DEL PO Si terrà domenica 23 agosto alle 6:30 a Gerre de' Caprioli

UN CONCERTO ALL'ALBA SULLE RIVE DEL POSi terrà domenica 23 agosto alle 6:30 a Gerre de' Caprioli

Pubblicato da Cremona1 su Mercoledì 12 agosto 2020

‘Nessun dorma: musica e parole alle prime luci dell’alba’: il concerto promosso dal sindaco di Gerre Caprioli, Michel Marchi, per domenica 24 agosto alle 6.30 del mattino, sul LungoPo del Bosco Ex Parmigiano. Il Comune di Gerre de’ Caprioli promuoverà nei prossimi giorni un evento totalmente innovativo per il territorio cremonese, analoghi esperimenti sono presenti sulle coste marittime della Versilia e delle Marche.

Si tratta dell’evento ‘Nessun Dorma’, piccolo concerto che si terrà domenica 23 agosto a Gerre de’ Caprioli, sul fiume Po davanti al Cristo del Po, alle ore 6.30 del mattino, alle primissime luci dell’alba, per una durata di circa un’ora. Al termine sara possibile fare un giro sulla motonave Mattei al costo di € 5,00. La voce baritona del Maestro Valentino Salvini e il pianoforte di Cristiano Paluan eseguiranno brani di vari artisti passando da Morricone, Tosti e molti altri. Si aggiungeranno anche alcuni racconti letti dall’attore Alberto Branca.

Si tratta di una prima assoluta per il nostro territorio. Una esperienza nuova, sensoriale sotto alcuni aspetti. Il paesaggio del lungo Po di Gerre sarà lo sfondo naturale, nessun palcoscenico, luce o arredi… solo musica e ambiente. L’evento sarà gratuito con la possibilità di prenotare il proprio posto nel rispetto delle normative sanitarie vigenti.
Come afferma il sindaco Michel Marchi:” In questo anno particolare, dove tutto è cambiato nel modo di fare cultura, è nostro dovere provare a sperimentare nuovi stili e modalità, mettendo al primo posto la tranquillità e sicurezza dello spettatore che si deve sentire tutelato anche mentre vive il proprio tempo libero.”

© Riproduzione riservata
Commenti
  • ciclo-pe

    Mi chiedo perché mettere un Cristo crocefisso su un belvedere che godeva di ottima panoramica. Non credo c’entri nulla con il Po e i suoi ambienti. È poi c’e un limite all’estetica anche nei soggetti che si rifanno a temi religiosi.

    • antonio1956

      Dal punto di vista estetico è, a parer mio, vincente rispetto alla scultura in legno e cemento appena posizionata in una aiuola sul lungo Po Europa.