Cronaca
Commenta3

Sicurezza a Ferragosto: 117 persone controllate da carabinieri Denunciato titolare bar

foto di repertorio

117 le persone controllate dalle pattuglie dei Carabinieri nel giorno di Ferragosto e  81 le autovetture fermate, con un bilancio consistente in un provvedimento di carcerazione disposto dall’Autorità Giudiziaria e nella denuncia di quattro persone.

Nel dettaglio, i carabinieri delle stazioni di Robecco d’Oglio e Vescovato hanno rintracciato S.G., 33enne di origine indiana, pluripregiudicato, residente a Robecco d’Oglio, sottoposto all’affidamento in prova ai servizi sociali per precedenti reati (associazione per delinquere, omicidio, detenzione e porto abusivo di armi), portato in carcere a Cremona per aver violato più volte le prescrizioni impostegli dal Magistrato di Sorveglianza di Mantova.
I militari della Sezione Radiomobile hanno proceduto alla denuncia in stato di libertà di una donna, K.K.. 45enne, di origine indiana, residente in Provincia di Brescia, responsabile di furto aggravato all’interno del negozio Decathlon di Cremona. Da qui aveva asportato vari capi d’abbigliamento, dopo aver rimosso dispositivi antitaccheggio per poi occultare la refurtiva all’interno della propria borsa, per un valore complessivo di 150 €.

I Carabinieri della stazione di Soresina hanno deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona il titolare di un esercizio pubblico di Genivolta, per violazione delle norme in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica Covid-19: assenza di cartellonistica, di gel igienizzante e mancato rispetto delle distanze tra avventori presenti, nel momento del controllo da parte degli uomini dell’Arma. Accertata inoltre  la presenza di un lavoratore irregolare, l’assenza dei dispositivi antincendio ed infine l’installazione non autorizzata di sistema di video-sorveglianza interno al locale.
A Gadesco Pieve Delmona i Carabinieri di Vescovato hanno infine denunciato una donna, H.C., 30enne nata a Milano e residente a Cremona, giostraia, con precedenti di polizia, a seguito di furto aggravato in concorso con un’altra persona in corso identificazione. La donna aveva asportato vari capi d’abbigliamento, dopo aver rimosso dispositivi antitaccheggio, per un valore complessivo di 300 euro, presso l’Upim del Centro commerciale “Cremonadue”.

© Riproduzione riservata
Commenti