18 Commenti

Lungo Po tra incuria
e abbandono: rifiuti
e resti di bivacchi

Foto Sessa

Non c’è pace per il Lungo Po Europa, dove dopo l’azione dei vandali ora versa in condizioni decisamente pessime: sporcizia e resti di bivacchi campeggiano infatti tra l’erba, un po’ ovunque. Un grande segnale di trascuratezza per una zona che in questo periodo ne ha passate veramente tante. Dalla rottura della statua lignea di Spadari alla sua sostituzione con un’altra statua, poi rimossa, senza contare l’annosa vicenda, ancora inconclusa, della colonia felina distrutta durante i lavori di consolidamento della sponda del fiume da parte di Aipo. Ora, a completare il quadro di incuria e abbandono, compaiono ogni tipo di rifiuti, segno che la necessità di una riqualificazione della zona è ormai impellente.

Fotoservizio: Francesco Sessa

© Riproduzione riservata
Commenti
  • ciclo-pe

    L’incuria e le erbacce sulla sponda danno proprio l’impressione di una zona abbandonata a se stessa, tutto il contrario della cura che si trova appena al di là della recinzione delle società private. Sarebbe troppo chiedere che i frontisti falcino almeno le erbacce o quantomeno contribuiscano alla pulizia visto che sono concessionari anche di una parte acquea? Si parla di riqualificare la zona, cominciamo allora a tenere pulito quello che c’e visto che non tutti i cremonesi, e tanto meno chi viene per turismo lungo il Po, è iscritto a una società privata. Non è mettendo crocefissi di cemento a quattro metri di altezza senza nessuna regola sulla sicurezza e sul paesaggio che si risolvono i problemi ma mettendo a frutto la collaborazione tra pubblico e privato.

    • Abiff

      Se qualcuno va sponte sua a tagliare le erbacce sul suolo pubblico si espone a possibile sanzione amministrativa. Meglio di no.
      https://it.finance.yahoo.com/notizie/multato-perche-puliva-la-strada-la-burocrazia-punisce-che-sistema-gli-spazi-pubblici-103025416.html

      • Jeppetto

        Terribile! Da non credere…

    • roberto ruffo

      A proposito di Crocifissi e paesaggio se lei andasse a fare una passeggiata in qualsiasi localita alpina potrebbe notare che è pieno di Crocifissi, statue della Madonna e cappellette votive, addirittura vi sono croci di ferro piantate in cima alle montagne e nessuno si sogna di lamentarsi

      • ciclo-pe

        Le conosco benissimo, pratico scialpinismo e amo la montagna, e conosco anche la battaglia portata avanti da alcuni alpinisti per limitare le croci soprattutto di grandi dimensioni sulle vette per problemi paesaggistici e non certo confessionali. Le Cappellette votive sono stupende ricche di fiori e anche artistiche e arricchiscono molti sentieri alpini e sono li alcune da secoli per vari motivi di cui sarebbe troppo lungo parlare. I crocefissi sul Po, peraltro di discutibilissimo valore artistico, cosa significano e a cosa di riferiscono? Me lo spieghi per favore e mi spieghi anche, già che c’è, se una struttura su area pubblica non deve essere autorizzata dal Comune che garantisce la sicurezza dei cittadini che ci passano sotto.

  • marcus

    Il mondo è marcio , qualcuno provvederà ad azzerare la civiltà è l unica soluzione.

    • Jeppetto

      Sembra un po’ fanta-socio-politica, ma andrà a finire così, prima o poi… L’aveva predetto Einstein ☺

  • staga

    più educazione civica a scuola e meno social network..

    • Jeppetto

      Sicuramente!

  • Lallero

    Sarebbe bello affrontare questa tematica ridondante sotto un altro punto di vista: la totale mancanza di educazione da parte dei cittadini, il menefreghismo che si annida in troppe persone, la strofottenza nell’abbandono dei rifiuti.
    Se nessuno abbandonasse rifiuti in giro il decoro pubblico ne gioverebbe subito.
    Il problema é che tutti trovano più semplice incolpare il comune che non pulisce anziché ammettere che praticamente tutti, almeno una volta, abbiamo contribuito a questo schifo che continua ad essere usanza comune.

    • Lallero

      E aggiungo: di tutti i boccaloni che negli hanno espresso commenti in merito (tutti, noi cittadini compresi) in quanti davanti ad una cosa del genere si sono infilati i guanti e hanno raccolto per senso civico?

      • Abiff

        Mi rimetto alle parole di mia madre quando lasciavo il caos nella mia cameretta. “Adesso va’ a mettere a posto, se no, sei in punizione.” Non andava lei a riordinare…

        • Lallero

          Peccato che non conoscendo gli autori di questo schifo bisognerà provvedere. A questo punto bisogna rimediare in 2 modi: facendo appello al proprio senso civico oppure correndo ad abbiare su facebook “fa tutto schifo, é una vergogna” rimandando sempre a qualcun altro il problema (sia mai di mettere qualche cosa nel cestino dei rifiuti o fare una cosa della quale possano beneficiare tutti).
          É una buona occasione di riflessione per tutti quelli che parlano di cambiamento climatico, di rispetto altrui, di convivenza, di valori. É una buona occasione per capire quale contributo diamo in tutti questi campi sui quali interveniamo troppo spesso solo a parole.

          • Abiff

            Oppure telecamere.

        • Jeppetto

          Saggia! ☺

      • Gemelli

        Mirko!!!

      • Gemelli

        E Gio’!!!!

  • antonio1956

    Dalle fotografie pubblicate non si vedono cestini porta rifiuti in zona. Forse sarebbe il caso di disporne qualcuno in più in zone ‘strategiche’ come questa e in altre zone della città del tutto sprovviste e, soprattutto, svuotarli in modo puntuale, ferma restando l’inciviltà di chi li abbandona.