7 Commenti

Ritorno dolce amaro per
Sacchetti. Vittoria, ma striscione
offensivo: Vanoli multata

Un ritorno dolceamaro quello di Meo Sacchetti al PalaRadi di Cremona con fischi e striscione esposto in curva, anche se al momento dell’annuncio del roster non è mancato qualche applauso. (l’articolo completo su CremonaSport)

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • antonio1956

    Va multato chi ha appeso quello striscione, non la società.

    • Roberto

      Purtroppo non conosci l’italiano, come quei 4 pappagalli della federazione. Non c’è nessuna offesa, ma solo due aggettivi non offensivi che caratterizzano bene il comportamento (ripetuto altre volte) del personaggio in questione.
      Le opinioni avverse vanno rispettate

      • PierPiero

        Mercenario non è propriamente un termine neutro ma ha una accezione dispregiativa, se applicata al contesto.
        Spiace che una società in oculata gestione economica debba già iniziare con una ammenda.
        E per quanto attiene i termini utilizzati nello striscione, ne condivido il senso. Si è comportato innanzitutto da ingrato, visto il rapporto che affermava avere con il Signor Vanoli, dimostrandosi poi un capitano di ventura, senza alcuna remora nel lasciare malamente questa città.

        • antonio1956

          Eventualmente da ingrati si sono comportati alcuni tifosi, lei compreso !
          Campionato 17/18, 30 punti, final eight, play off.
          Campionato 18/19, 40 punti. Coppa Italia, play off.
          Campionato 19/20, 24 punti dopo 20 giornate.
          Con squadra ripescata dalla A2 nel 17/18.
          Il Mister Romeo Sacchetti non è un mio amico !

          • PierPiero

            Clap Clap Clap Clap

          • Rino Ceronte

            Non si discute l’ allenatore!! Ma il fatto di essere un vincente non lo esonera dalle ” buone maniere”!!! Certo avremmo fatto più bella figura ad ignorarlo!!

      • antonio1956

        Non ho scritto che è uno striscione offensivo, a parer mio inopportuno. E comunque la multa è stata comminata e la società la deve pagare.