Ultim'ora
2 Commenti

Treni, commissario per
raddoppiare in fretta
la Cremona - Mantova

Il raddoppio ferroviario della Cremona – Mantova avrà il suo commissario. Ad annunciarlo è stato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli nel corso di un evento promosso dal Pd milanese dedicato alla Milano del futuro e alle Olimpiadi invernali del 2026 e come riportato dall’Ansa. “Sulla Lombardia ho un cruccio – ha detto De Micheli -, il sud della Regione ha una dotazione infrastrutturale e strutturale inidonea a livello di sviluppo e di insediamenti imprenditoriali di quell’area”.

Secondo il ministro il sud della Lombardia “ha questa dotazione infrastrutturale non idonea perché non è stato bacino elettorale della Regione Lombardia in questi anni”. E “non va bene”, ha aggiunto, “perché quando sei nelle istituzioni prima pensi alla qualità della vita e del lavoro delle persone che stanno lì e poi ti preoccupi anche di provare a trasformare questo in termini di consenso”.  “Quel cruccio – ha concluso De Micheli – lo risolveremo già nella prima lista di opere che commissarieremo, ad esempio come la linea ferroviaria Mantova-Cremona che è ancora monorotaia”.

Sulla opportunità di velocizzare le procedure su questa tratta ferroviaria si era già espresso molto chiaramente a maggio il deputato cremonese Luciano Pizzetti, a margine della risposta avuta dallo stesso ministro De Micheli ad un question time: “Poiché di quest’opera si discute da molto tempo, ho chiesto al Governo di considerare la nomina di un commissario per la realizzazione, così da accelerare di molto i tempi. Sarà mio impegno insistere affinché ciò avvenga nell’ambito della norma sblocca cantieri”.

Nella sua risposta De Micheli aveva spiegato che sarà finanziato nel quinquennio 2022 – 2026 il raddoppio ferroviario tra le stazioni di Codogno e di Cavatigozzi (da qui a Cremona il binario è già stato raddoppiato negli anni  precedenti), in modo tale da velocizzare una delle tratte peggiori della Lombardia per puntualità e regolarità dei treni. Il costo dell’opera è preventivato in 830 milioni di euro ed entro il 2020 Rfi avvierà la progettazione definitiva.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti