Ultim'ora
Commenta

Emergenza Covid e scuola:
quanta confusione su
tamponi e palestre

Lettera scritta da Gabriele Beccari

Egr. Direttore,
sul sito dell’Ats Val Padana, alla pagina web <https://www.ats-valpadana.it/scuole>, si legge che, per quanto riguarda i tamponi per gli studenti, i docenti e il personale scolastico, il servizio è attivo dal lunedì al venerdì senza prenotazione, ma muniti di autocertificazione e previo contatto con il proprio pediatra o medico curante.

In realtà, se ci si presenta alla struttura ospedaliera che effettua i tamponi dopo la segnalazione effettuata dal proprio medico curante e con l’autocertificazione, ci si sente rispondere che è necessaria la prenotazione. Per evitare disagi agli interessati, non sarebbe opportuno effettuare la dovuta correzione nella pagina web citata?

Un altro motivo di confusione in questa situazione di emergenza che mette a dura prova tutti i cittadini è l’utilizzo delle palestre scolastiche per l’attività fisica. Molti dirigenti scolastici, forse la maggior parte, hanno ritenuto opportuno sospenderla e non autorizzare anche l’attività fisica all’aperto. In alcuni istituti comprensivi, invece, l’attività fisica nelle palestre e all’aperto prosegue.

Chi ha interpretato correttamente il dpcm? Chi lo inteso in forma prudenziale per evitare le possibilità di contagio o chi autorizza l’attività fisica come improrogabile necessità didattica?

In questa e in altre situazioni legate all’emergenza Covid sarebbe opportuno che ci fossero linee guida precise e univoche, non legate all’interpretazione dei singoli, e che chi è preposto a comunicarle e farle rispettare non lasciasse i cittadini e le istituzioni nella confusione.

© Riproduzione riservata
Commenti