Ultim'ora
Commenta

Luca Arcari nuovo presidente
FIMAA Confcommercio
Guarischi presidente onorario

Luca Arcari, titolare di una agenzia immobiliare a Piadena, è il nuovo presidente della Fimaa provinciale (Federazione italiana mediatori agenti d’affari), il gruppo degli agenti immobiliari -parte di Confcommercio Cremona – che raggruppa sotto la sua egida il maggior numero di imprenditori del settore. Un passaggio di consegne con il presidente uscente Giovan Battista Guarischi, che – “nella piena armonia e condivisione di tutto il gruppo – vuole rappresentare una simbolica staffetta in cui il testimone viene affidato ad un giovane agente immobiliare”, come sottolinenano dalla stessa Confcommercio.

Ne è dimostrazione “la volontà di affrontare un programma di mandato all’insegna della continuità, partendo da quanto è stato realizzato fino ad oggi e riaffermando la mission di valorizzare la professionalità degli operatori del settore, come soggetti accreditati (cioè riconosciuti dalla Camera di Commercio) e capaci di seguire, offrendo una consulenza di alto profilo) ogni aspetto della compravendita di un immobile”. Non manca, negli obiettivi del nuovo direttivo, “una attenzione particolare al momento che stiamo vivendo, che ha ricadute anche sul lavoro dei professionisti”.

Quale fondatore di Fimaa Cremona, per la sua esperienza e per il prezioso lavoro svolto fino ad oggi, Giovan Battista Guarischi è stato nominato all’unanimità presidente onorario, con la certezza che continuerà a collaborare attivamente e con il consueto impegno con il consiglio direttivo.  Il consiglio provinciale è completato dal vicepresidente Omar Garavelli e dai consiglieri Lorenzo Brilli, Emilia Calicchio, Rolando Dumas, Paolo Feroldi, Roberto Pianini e Massimo Tessadori.

“Fimaa Cremona – spiega Luca Arcari – è il raccordo tra Fimaa nazionale e gli associati e tra questi e le istituzioni locali. Deve essere un punto di riferimento prima di tutto per i suoi associati ed ha l’ambizione di diventarlo anche per tutti gli agenti immobiliari del territorio”. Poi il neopresidente entra maggiormente nel dettaglio dei prossimi impegni: “Temi come la formazione, la digitalizzazione, l’aggiornamento professionale, la lotta all’abusivismo e i comportamenti da adottare nelle varie situazioni che si presenteranno lungo il camino, saranno al centro del nostro programma di azione”. Non manca una breve analisi della situazione economica e delle sue ricadute sul settore: “Sul mercato dei prossimi mesi ci sono previsioni diverse che spaziano da un positivo rimbalzo del comparto fino ad ipotizzare, al contrario, momenti di ulteriore difficoltà e a tratteggiare scenari a tinte fosche”.

Per Fimaa Cremona non mancano ragioni di fiducia: “Quello che è stato possibile osservare nella nostra realtà è che la richiesta di immobili, soprattutto legati all’acquisto della prima casa, tiene. La domanda di casa resta forte ed a fronte di una leggera diminuzione dei prezzi sono aumentate le compravendite, perlomeno quelle intermediate, sintomo che la figura dell’agente immobiliare, se preparato e capace, è determinante nella conclusione della trattativa ma soprattutto nella sua conduzione a buon fine”.

“Ad alimentare la domanda – spiega il presidente di Fimaa -, oltre ai prezzi che continuano a restare bassi in tutta la nostra provincia, ci sono i tassi dei mutui ai minimi storici e la possibilità di finanziare in alcuni casi fino al 100%. Da non trascurare è il desiderio di cambiare un immobile divenuto di colpo “troppo piccolo” durante il lockdown ed alla spinta dovuta alla possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali, superbonus 110% in testa, e della cessione del credito che permette di non dover anticipare il denaro di cui poi si avrà la detrazione”.  Una sfida, quella dell’evoluzione dei mercati, che Fimaa e Confcommercio “sono pronti ad affrontare insieme a tutti gli iscritti”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti