Ultim'ora
Commenta

Università Cattolica:
all’Open Week Unicatt
340mila spettatori

La nuova sede della Cattolica di Cremona, a Santa Monica

340mila spettatori e più di un milione di persone raggiunte grazie agli oltre 370 contenuti prodotti tra video, podcast, grafiche e 27 incontri live, con un picco di ascolti registrato soprattutto nelle dirette trasmesse dal canale Youtube. È il bilancio dell’Open Week Unicatt, l’iniziativa che dal 21 al 28 novembre è andata in scena online sui canali social dell’Ateneo per presentare i corsi di laurea triennali e a ciclo unico delle 12 Facoltà dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, comprese quelle di Cremona.

Una settimana ricca di incontri, approfondimenti e dirette live dove presidi, professori e tutor di Facoltà hanno raccontato dal loro punto di vista l’Ateneo e messo a disposizione conoscenze ed expertise per aiutare i maturandi nella scelta del percorso di studio. “Bisogna scegliere l’Università seguendo le proprie passioni e le proprie inclinazioni”, ha detto il pro rettore vicario Antonella Sciarrone Alibrandi nell’incontro di apertura dell’iniziativa.

Da questo punto di vista l’Università Cattolica, con la sua offerta multidisciplinare, apre a numerose opportunità: “L’Università Cattolica, presente su tutto il territorio nazionale, spazia e interseca diversi profili disciplinari, grazie alle 12 Facoltà e a più di 150 tra dipartimenti, istituti e centri di ricerca. Un’università così ricca dal punto di vista multidisciplinare, dove coesistono e s’incontrano professori e ricercatori di varie discipline favorendo lo scambio, il confronto, l’arricchimento, è un tratto significativo che da sempre ci contraddistingue e ci aiuta a superare il rischio, molto presente in questi anni, di uno studio iper-specialistico”. Infatti, “il primo obiettivo che guida il nostro Ateneo nelle attività di didattica e in quelle di ricerca è offrire competenze puntuali, moderne e focalizzate sugli ambiti disciplinari oggetto degli specifici corsi di studio, ma senza mai trascurare la costruzione di una visione ampia del mondo, che consente ai nostri studenti di uscire dall’università con una ricca ‘cassetta degli attrezzi'”.

In questo momento particolare l’Università Cattolica continua a considerare l’internazionalizzazione come un fondamentale strumento per arricchire il percorso universitario e ha reso disponibili nuove opportunità in modalità online. Tra queste quella che in gergo tecnico si chiama Internationalization at home, con la possibilità di internazionalizzare il proprio curriculum stando a casa. Una formula innovativa che sarà analizzata nell’incontro intitolato “Internationalization Today – Experiences at home and from abroad”, in programma giovedì 3 dicembre, alle ore 17.30, sui canali social @Unicatt.

Moderati da Pier Sandro Cocconcelli, delegato del Rettore per il coordinamento dei progetti di internazionalizzazione, si confronteranno Amanda Murphy, Director of Centre for Higher Education Internationalisation, Università Cattolica, Patrick Colabucci, Director of International Programs and Director of Business Development at Global Online, UCLA, Nannette Ripmeester, Director of Expertise in Labour Mobility and Client Services Europe for i-graduate, Ezio Fregnan, Academy Director and HR Training Director, COMAU.

© Riproduzione riservata
Commenti