Cronaca
Commenta14

Smog, tornano a crescere gli inquinanti: già 7 giorni di superamento da inizio anno

Il territorio di nuovo nella morsa dello smog, dopo un inizio d’anno tra alti e bassi, anche se migliore dello stesso periodo del 2020. E così nelle città è già tempo di fare la conta delle giornate di superamento delle soglie critiche per le polveri sottili.

Nelle centraline di Cremona (Fatebenefratelli e Cadorna), la concentrazione media è stata infatti di 45 microg/m3, e i giorni di superamento sono stati 7 (nella giornata di oggi è pari a 82,5 microgrammi per metro cubo).

La situazione è anche peggiore nelle vicine cittadine immerse nella pianura agricola: a Crema la concentrazione media è di 45 microg/m3, e le giornate di superamento sono finora 8, come a Soresina, che ha misurato da inizio anno un livello medio di polveri sottili pari a 46 microg/m3.

Ancora peggio a Codogno, dove tra autostrada e allevamenti si arriva a ben 11 giornate di superamento, e a una media di 54 microg/m3 di polveri misurate dalla centralina Arpa, da inizio anno.

I dati sono quelli elaborati da Legambiente Lombardia, secondo cui “il dato pessimo che si è misurato nella bassa lombarda, invece, non ha nulla a che vedere con il meteo, ma è direttamente connesso alle attività zootecniche. Nel cremonese, per esempio, l’inizio d’anno è stato molto peggiore di quello milanese”.

“Il dato si spiega con le emissioni provenienti dalle stalle e dallo spandimento di liquami zootecnici” commenta ancora Legambiente. “Oltre 2/3 delle polveri sottili sospese, infatti, sono costituite da microcristalli di sali d’ammonio, che si formano in atmosfera a partire da un inquinante gassoso prodotto dagli allevamenti intensivi, l’ammoniaca, che si combina con gli NOx provenienti dal traffico”.

“Se si pensa che la ‘bassa’ lombarda concentra il 51% di tutti i suini e quasi il 25% dei bovini allevati nel territorio nazionale, è palese il perchè in inverno capiti spesso che i parametri di inquinamento siano peggiori nei centri agricoli che nella metropoli lombarda – spiega Damiano Di Simine, coordinatore scientifico di Legambiente Lombardia – la riduzione delle emissioni di camini e tubi di scarico fa emergere sempre più l’allevamento intensivo come concausa di inquinamento atmosferico invernale in Pianura Padana”.

“Paradossalmente, la Regione Lombardia con un proprio provvedimento, anziché imporre maggiori prescrizioni per il controllo delle emissioni da allevamento, ha ridotto il periodo di divieto invernale di spandimento liquami zootecnici, che un decreto ministeriale fissa per tutti i due mesi di dicembre e di gennaio” commenta ancora l’associaziond. “Così da ieri in Lombardia, diversamente dalle altre regioni del Nord, gli allevatori hanno potuto svuotare nei campi le cisterne di liquami”.

Una situazione che ha indotto Legambiente a prendere carta e penna per scrivere all’assessore all’agricoltura di Regione Lombardia Rolfi e al Capo Dipartimento delle Politiche europee di Sviluppo Rurale. “La Regione deve affrontare con maggiore coerenza la lotta a smog e inquinamenti: consentire di spandere liquami in pieno inverno equivale a vanificare le misure antismog adottate nelle città” dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia.

“Per questo abbiamo chiesto l’immediata revoca del provvedimento regionale e l’adeguamento della Lombardia alla norma con cui l’Italia ha recepito la direttiva nitrati. Ricordiamo che a dicembre la Commissione Europea ha di nuovo messo in mora l’Italia per mancato rispetto di questa direttiva anti-inquinamento, rischiamo di dover pagare pesanti sanzioni, oltre a subire un ingiustificabile danno ambientale”.

© Riproduzione riservata
Commenti