Cronaca
Commenta

Da Regione 1 milione per le Fiere e sospensione rate dei finanziamenti

Dalla Regione due provvedimenti a favore del sistema economico lombardo. Il primo, su proposta dell’assessore Davide Caparini (Bilancio e Finanza) consiste in una delibera che prevede la sospensione per un anno del pagamento delle rate dei finanziamenti o lo spostamento della scadenza. L’atto è stato approvato di concerto degli assessori Guido Guidesi (Sviluppo economico), Fabrizio Sala (Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione), Fabio Rolfi (Agricoltura, Alimentazione) e Stefano Bruno Galli (Autonomia e Cultura).

Con l’adesione all’addendum riguardante l’Accordo per il credito 2019 sottoscritto nel dicembre 2020 dall’Associazione Bancaria Italiana e le principali organizzazioni di categoria viene prorogato al 31 marzo 2021 il termine per la presentazione delle domande di adesione alle agevolazioni previste che consentono alle banche e agli intermediari finanziari aderenti di sospendere fino a un anno il pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti o allungarne la scadenza. Lo stesso termine viene applicato per la presentazione delle domande di adesione alla cosiddetta ‘Moratoria regionale’. Si tratta di misure gestite da Finlombarda con risorse proprie, che prevedono agevolazioni rivolte sia a imprese che a soggetti non esercenti attività di impresa.

Nello specifico, è consentito alle imprese e ai Comuni lombardi di ottenere la sospensione della rata di capitale o l’allungamento della scadenza, in relazione ai finanziamenti previsti da varie misure agevolative regionali. “Questo provvedimento – ha spiegato Caparini – è l’ennesima testimonianza della costante attenzione di Regione Lombardia verso il mondo produttivo”.

Sostegno anche al sistema fieristico: dal 10 febbraio al 2 marzo 2021 potranno essere presentate le domande per accedere ai contributi previsti dal ‘Bando di sostegno alla ripresa del sistema fieristico lombardo 2021’ che mette a disposizione 1.000.000 di euro.

L’iniziativa è finalizzata a promuovere la ripartenza del comparto dopo la crisi indotta dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, sostenendo l’organizzazione e lo svolgimento delle manifestazioni di livello internazionale e nazionale del calendario regionale 2021.

“Con questa misura – ha detto l’assessore Guido Guidesi – concentriamo la nostra attenzione al comparto fieristico, uno dei settori più colpiti dalla crisi economica. Attraverso le fiere facciamo conoscere al mondo le eccellenze lombarde e per questo non possiamo più permetterci di bloccare un sistema così strategico.

Regione Lombardia, anche in questo caso, vuole fare concretamente la sua parte e la misura va in questa direzione; adesso ci attendiamo dal Governo che si attivi per concedere i fondi rimasti bloccati e permettere al settore di poter tornare a lavorare.

Sarà fondamentale a medio-lungo termine che il settore fieristico Lombardo diventi sistema. La ripartenza delle fiere sarà fondamentale anche per tutta la filiera, di cui troppo spesso ci si dimentica, come ad esempio gli allestitori, fornitori e i servizi”.

L’importo dell’aiuto è pari al 40% spese presentate fino a massimo di: 40.000 euro per le fiere di livello internazionale e 25.000 per le fiere di livello nazionale. Qualora la manifestazione, inizialmente calendarizzata per il 2020, sia risultata beneficiaria di un contributo sul precedente “Bando per la promozione e lo sviluppo del sistema fieristico lombardo 2020”, ma sia stata rinviata al 2021 a causa dell’emergenza, potrà comunque ottenere un finanziamento anche sul bando in oggetto, purché su differenti spese e per un importo massimo inferiore, pari a 25.000 euro per le fiere di livello internazionale e 15.000 euro per le fiere di livello nazionale.

© Riproduzione riservata
Commenti