Ultim'ora
3 Commenti

Roberto Codazzi nuovo
direttore artistico musicale
del Museo del Violino

(foto Sessa)

Roberto Codazzi, cremonese, musicista e musicologo, è il nuovo direttore artistico musicale del Museo del Violino.

La nomina è stata proposta da Fondazione Arvedi Buschini e approvata all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione del Museo.

“Abbiamo voluto formalizzare – spiega Virginia Villa, direttore generale MdV – con un mandato più ampio, il ruolo di Roberto Codazzi, stimato professionista che dal 2017 collabora con noi, in condivisione con Fondazione Arvedi Buschini, come direttore artistico di STRADIVARIfestival e di altre iniziative quali L’altra anima del Violino, STRADIVARImemorialday e Concerto Gospel di Natale. In questi anni il suo lavoro ha pienamente soddisfatto le nostre aspettative”.

“Ora – ha aggiunto – vogliamo raggruppare sotto un’unica regia le varie manifestazioni musicali realizzate in Auditorium Giovanni Arvedi, sviluppando un progetto artistico organico. Per questo, da quest’anno, Codazzi curerà anche CremonaJazz, altro consolidato fiore all’occhiello nella programmazione dell’Auditorium”.

Brillantemente laureato in pianoforte al Conservatorio di Brescia, dopo gli studi Roberto Codazzi ha intrapreso l’attività concertistica sia come solista sia con diverse formazioni strumentali e vocali.

Parallelamente alla carriera di interprete ha svolto attività giornalistica come critico musicale del quotidiano La Provincia di Cremona e delle più prestigiose riviste del settore, da Musica a Suonare.

Collabora con l’emittente televisiva Cremona1, per la quale ha ideato e conduce la trasmissione Casta Diva, dedicata alla lirica e ai suoi personaggi.

Ha dato alle stampe diversi libri tra cui, in occasione del bicentenario del Cigno di Busseto, L’alfabeto della cucina verdiana, un saggio originale che racconta la figura di Verdi attraverso le sue preferenze enogastronomiche. Nel 2010 gli è stato conferito il prestigioso Premio Internazionale Myrta Gabardi per la sezione ‘giornalismo musicale’.

Ha curato i cataloghi di diverse mostre internazionali di liuteria organizzate dall’Ente Triennale Internazionale degli Strumenti ad Arco ed è stato direttore di Cremona Liutaria, magazine della Fondazione Antonio Stradivari.

Ha ideato e diretto svariati festival e manifestazioni musicali, tra cui il festival Bel canto sotto le stelle e il Festival delle Muse, entrambi organizzati dalla Provincia di Cremona, il Festival Violinistico Internazionale ‘Gasparo da Salò’ e il festival AcqueDotte. Dal 2017 è direttore artistico di STRADIVARIfestival.

© Riproduzione riservata
Commenti