Cronaca
Commenta

Coop InChiostro di Soncino: progetto da 2 milioni di euro per corso operatore agricolo

La cooperativa l’InChiostro di Soncino è in lizza per un finanziamento da quasi 2 milioni di euro (600mila euro la parte di competenza della cooperativa stessa) nell’ambito degli Emblematici Maggiori della Fondazione Cariplo. La cooperativa, costituita appena quattro anni fa sulla scorta delle esperienze educative maturate dall’istituto della Sacra Famiglia, si è candidata al contributo con un progetto di agricoltura sociale tutto nel segno della sostenibilità  alimentare: si chiama Adamah, parola ebraica che sta a significare radice (peraltro prodotto tipico di Soncino) e che consiste nell’implementazione dell’attività di orticoltura già in essere nell’ambito del corsi di formazione professionale per Operatore Agricolo: coltivazione di piante erbacee, orticole e legnose in pieno campo e in serra.

Come spiega il referente dei servizi sl lavoro Alessio Gatta, “attualmente vengono coltivate, su 300 mq di terreno, circa 200 varietà orticole, in grande maggioranza a rischio di estinzione”, un terreno di studio e lavoro sia per gli operatori agricoli che per gli studenti della ristorazione e dell’allestimento sala (all’interno del ristorante aperto nel contesto di Santa Maria delle Grazie). Il progetto al momento ha superato l’esame della commissione centrale e insieme ad altri 11 del territorio cremonese dovrà ora passare al vaglio del comitato locale per la definitiva approvazione. Se andrà in porto, l’attività potrà essere ampliata su ulteriori 2 ettari di terreno agricolo vicini alla sede.

“Al centro del nostro discorso sta la persona e i percorsi di inclusione  – aggiunge Gatta – abbiamo scelto una modalità formativa che privilegia gli aspetti lavorativi. Il nostro ristorante è già molto apprezzato da famiglie, addetti delle aziende che operano sul territorio, anche turistici, categoria che ci auguriamo di rivedere presto, in uno dei borghi più belli del territorio”.

Dunque un progetto formativo ma che vuole giocare una parte attiva nell’economia reale del territori, consentendo la coltivazione su più ampia scala di prodotti agricoli difficilmente reperibili nella filiera agricola industriale.

Una realtà in forte crescita, quella della società cooperativa L’InChiostro che attualmente conta 120 studenti iscritti ai corsi (operatore agricolo, della ristorazione, sala bar, preparazione alimenti) ed ha anche all’attivo corsi personalizzati per disabili. Da luglio poi acquisirà la gestione della scuola d’infanzia Garibaldi di Orzinuovi.

Giuliana Biagi

© Riproduzione riservata
Commenti