Ambiente
Commenta

Smog, Coldiretti: 'Bene chiarimento Regione su lavori agricoli in campagna'

“E’ importante aver chiarito le modalità con cui proseguire le operazioni di concimazione in campo, nel rispetto delle misure anti inquinamento attivate”. E’ quanto afferma la Coldiretti Lombardia nel commentare la Faq di Regione Lombardia che definisce, così come richiesto dalla stessa Coldiretti, le attività che gli agricoltori possono svolgere senza infrangere i divieti temporanei di primo e secondo livello imposti dall’innalzamento dei livelli di smog.

“Ringraziamo gli assessori Fabio Rolfi e Raffaele Cattaneo per la disponibilità dimostrata nell’accogliere e valutare le nostre osservazioni”, commenta Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Lombardia.

Voltini quindi prosegue: “Il giusto impegno nella lotta contro l’inquinamento non può passare solo attraverso misure emergenziali, attivate a singhiozzo, soprattutto se prevedono parametri che incidono sulla programmazione di lavori agricoli indispensabili che, per un corretto ed efficiente proseguimento della stagione produttiva, vanno eseguiti con tempistiche precise”.

“Bisogna intervenire attraverso un approccio di più ampio respiro, che tenga in considerazione il contributo delle diverse variabili coinvolte”, secondo il presidente di Coldiretti Lombardia.

Secondo gli ultimi dati Ispra – afferma la Coldiretti – nell’anno della pandemia le emissioni di gas serra hanno registrato un crollo del 9,8% rispetto al 2019: mentre stalle e aziende agricole hanno continuato a lavorare per garantire i rifornimenti alimentari alle famiglie italiane, le restrizioni anti contagio hanno semi paralizzato fabbriche e spostamenti di camion e auto, determinando un crollo dei livelli di biossido di azoto, un marcatore dell’inquinamento.

Questi dati , per Coldiretti, “confermano quindi il ruolo principale giocato da industrie e trasporti”.

Solo il 7% delle emissioni di gas serra in Italia arrivano dall’agricoltura, conclude l’associazione, mentre l’industria con il 44,7% e i trasporti con il 24,5% “sono di gran lunga i maggiori responsabili”.

© Riproduzione riservata
Commenti