Cronaca
Commenta4

Covid, Pan: 'Paziente di 44 anni migliorato rapidamente dopo bruttissima infezione'

“La situazione è critica, però si vede la luce in fondo al tunnel. C’è il vaccino, che è un’arma potente, e nel giro di qualche mese forse la situazione cambierà”. Lo ha detto Angelo Pan, primario del reparto Malattie infettive dell’ospedale di Cremona, durante la trasmissione Rai ‘Oggi è un altro giorno’, condotta da Serena Bortone. “Non siamo ai livelli del marzo scorso, che penso siano irripetibili”, ha spiegato il medico cremonese, “ma il quadro è comunque preoccupante.

Siamo decisamente sotto pressione, abbiamo i reparti dedicati al Covid pieni, abbiamo pazienti più giovani, ma oggi sono contento perchè ho avuto una bellissima notizia: facendo il giro questa mattina ho ritrovato un paziente di 44 anni che era in Pneumologia, poi è andato in Terapia Intensiva e ora è ritornato da noi in reparto. Ha avuto una bruttissima e rapidissima infezione da Covid, ma tanto rapidamente è migliorato. Grande soddisfazione, non succede sempre così, purtroppo”.

Per quanto riguarda i soggetti da vaccinare con priorità, Pan ha citato i pazienti anziani di età supertiore ai 75/80 anni “che hanno un rischio di morte del 15%, e poi le persone che hanno malattie che aumentano il rischio di morte con il Covid, come diabete, ipertensione, obesità, immunodepression. Bisognerà avere un buon numero di persone vaccinate di età superiore ai 60 anni, così che l’impatto per il servizio sanitario nazionale sarà più accettabile”.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti