Cronaca
Commenta

Sostegno alla maternità, dopo bocciatura mozione FdI attacca: 'Maggioranza ipocrita'

Delusione, da parte di Fratelli d’Italia, per l’esito della mozione presentata ieri in Consiglio Comunale da Marcello Ventura e da Simona Sommi (Lega) in merito agli aiuti alle donne in gravidanza che in stato di difficoltà economica sono nel dubbio se tenere o no il loro bambino. Una mozione che ne affiancava un’altra analoga, (primo firmatario Carlo Malvezzi, FI) sempre in tema di tutela della maternità, della natalità e della famiglia. Tra le richieste contenute nella mozione di FdI – Lega, l’istituzione di un fondo comunale di sussidio alla maternità.

“La mozione – interviene oggi Francesca Gazzina, del dipartimento provinciale di FdI Pari Opportunità, Famiglia e Valori Non Negoziabili  – proponeva di aiutare le donne in difficoltà economica, chiedendo alla Giunta e al Consiglio di impegnarsi a sostenerle nei primi anni di vita del figlio, attraverso l’elaborazione di progetti socio-economici articolati e puntuali, più confacenti ed ulteriori rispetto alle risorse già fornite dalla Regione, finalizzati a garantire a queste future mamme la sussistenza delle necessarie condizioni emotive, ambientali ed economiche per poter operare in tranquillità la scelta di portare avanti la gravidanza e i primi anni di vita del loro bambino.

“Spiace, quasi addolora, che la mozione sia stata bocciata dalla maggioranza consigliare per malcelati motivi ideologici.
La maggioranza ha infatti respinto la proposta di elaborare un progetto completo di supporto sociale alle donne, tra l’altro subito dopo la festa a loro dedicata, senza motivare alcunché, tanto da far intuire che il mancato sostegno sia arrivato perché la proposta è arrivata da Fratelli d’Italia, visto che nel dibattito tutti hanno convenuto sulla tragicità di scegliere di abortire per motivi esclusivamente economici.

“Molte sono le segnalazioni di difficoltà di questo tipo che arrivano alle associazioni di volontariato cittadine, che non hanno però gli strumenti economici e progettuali per affrontarle nella loro interezza. Come si fa ad ignorare anche la richiesta della popolazione attiva nel sostegno delle fragilità davanti a situazioni così drammatiche? Pare d’intuire dall’attuale maggioranza del Consiglio Comunale che davanti ad interessi di partito si possa fare.

“Come al solito tanta ipocrisia, tanta ideologia, ma nel concreto, quando questa maggioranza che avrebbe la pretesa di emergere in quanto a solidarietà e attenzione sociale, viene chiamata a compiere azioni tangibili, si infrange contro la realtà.

“Noi di Fratelli d’Italia rilanciamo sin d’ora la nostra disponibilità per realizzare un tavolo congiunto di progettazione sociale sulle donne che volessero essere sostenute in un momento così complesso come l’inizio di una gravidanza”.

© Riproduzione riservata
Commenti