Cronaca
Commenta

Covid: crollano le vendite dei giochi del Lotto, crescono le scommesse clandestine online

Roberto Carini

In tempo di pandemia, anche i cremonesi, sempre più in difficoltà economiche, hanno smesso di puntare sulla fortuna giocando a ‘Gratta e Vinci’, ‘Lotto’ e ‘SuperEnalotto’, gli unici giochi rimasti aperti. “In questo periodo le vendite sono nettamente diminuite”, ha confermato Roberto Carini, titolare della tabaccheria di corso Vittorio Emanuele. “E le motivazioni sono chiare: circola meno gente e le difficoltà finanziarie si fanno sentire. I cremonesi, per risparmiare, hanno tolto tutte le cose superflue, e il gioco è sicuramente una di quelle”.

Ma se la gente ha smesso di comprare giochi in tabaccheria, in tanti, invece, e si parla in modo particolare dei giocatori più accaniti, si sono gettati a capofitto nelle scommesse clandestine, soprattutto quelle online. Un florido mercato, non per chi gioca, ovviamente, ma per chi lo gestisce. Le scommesse spaziano in ogni ambito sportivo, in percentuale maggiore il calcio.

“Diminuiscono i giochi legali, ma dall’altra parte aumentano quelli clandestini”, ha confermato Carini. “Si tratta di giochi che non seguono regole, ed essendo chiuse le scommesse legali, perchè quelle calcistiche e sportive al momento sono chiuse, il mercato se l’è preso tutto il gioco clandestino, la maggior parte del quale gestito dalla malavita.

In questo caso il vantaggio è un utile netto dove non vengono pagare le tasse e dove lo Stato non può intervenire. Complessivamente la platea che gioca sull’online, anche in modo legale, è aumentata, ma è aumentata di molto anche quella che si è rivolta alla parte illegale. In questo caso lo Stato non riceve introiti e in più si va a foraggiare la malavita. I siti non sono sottoposti a controllo, e quindi non ci sono regole”.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti