Cronaca
Commenta2

Partono per manifestare
a Roma ma il pullman si guasta

Tenta di andare a Roma a manifestare, ma il pullman si guasta, e la polizia la rimanda indietro: una giornata difficile per Anna Davino, titolare del ristorante Il Fagotto di Ripalta Cremasca e membro della neonata associazione Arpe Cremona. La ristoratrice era partita da Milano Lambrate, su un pullman che radunava i rappresentanti di diverse categorie da tutta la Lombardia: ristoratori, baristi, ma anche taxisti, estetisti e parrucchieri.

“Il pullman si è guastato all’altezza di Sasso Marconi, in autostrada” racconta. “Abbiamo atteso due ore, mentre la polizia faceva i debiti controlli e in attesa di un pullman sostitutivo”. Pullman che però li ha accompagnati a Bologna, dove i partecipanti non hanno potuto fare altro che prendere il treno per tornare a casa.

“Ma non ci arrendiamo, e il 13 aprile parteciperemo alla manifestazione nazionale indetta da Confcommercio, insieme alle altre categorie, sempre a Roma” continua Anna Davino. “Siano in grande sofferenza e non possiamo continuare così. Le chiusure ripeture ci hanno messo in ginocchio. Abbiamo speso soldi per mettere in sicurezza i nostri locali e siamo pronti ad aprire”.

I ristoratori, in particolare, lamentano anche il ritardo nei ristori: “Stiamo aspettando ancora quelli di Natale” continua la ristoratrice cremasca. “Tra l’altro Draghi con l’ultimo Dpcm ha ristretto i requisiti di accesso, e questo significa che molti non riceveranno nulla per questo ulteriore periodo di chiusura”.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti