Cronaca
Commenta

105 pali danneggiati da incidenti
Solo per 27 riparazione in vista

Un semaforo abbattuto in via della Conca - via Riglio

Gli incidenti stradali non provocano solo danni a persone e automezzi, ma sempre più spesso anche all’arredo urbano com l’abbattimento dei pali di sostegno dell’illuminazione  pubblica e dei semafori. Un problema secondario rispetto alle lesioni personali, ma che a Cremona ha assunto negli ultimi tre anni dimensioni consistenti: 105 i pali danneggiati o piegati in ambito urbano a causa di incidenti e quindi messi in sicurezza dal Comune, il che significa il più delle volte semplicemente rimossi in attesa di essere sostituiti.
Per arrivare a questo punto però la procedura è lunga, anche di anni, perché occorre attendere l’esito delle trattative tra compagnie assicuratrici, quella del Comune e quelle degli autori degli incidenti. Per 27 di queste situazioni si è ora giunti alla definizione dei corrispettivi e così il Comune può demandare a Citelum la sostituzione degli elementi danneggiati.
60 mila euro la cifra stanziata nei giorni scorsi dal Settore Lavori Pubblici per procedere finalmente con la sostituzione dei pali mancanti e delle paline semaforiche. Si tratta di una somma presunta, che tuttavia sarà sufficiente a riparare i danni di una piccola parte dei sinistri stradali.

Uno degli ultimi avvenuti in ordine di tempo è stato in via Postumia direzione Malagnino; di più vecchia data l’abbattimento di un palo in via Persico, al Maristella di fronte al distributore, come pure in via Giordano poco dopo l’incrocio con via del Sale. Ancora piegata la palina semaforica abbattuta ormai qualche mese fa tra via Riglio e via della Conca, con la conseguenza che il gruppo semaforico non è mai rientrato in funzione.
Incidenti di questo tipo sono sempre più frequenti in città: sono già 13, in questi primi tre mesi e mezzo dell’anno, i pali danneggiati. g.b

© Riproduzione riservata
Commenti