Cronaca
Commenta

Bimba cremasca deceduta per
Covid al Gaslini. Era soggetto fragile

Una bambina di 10 anni, originaria di Crema, è morta la scorsa notte all’ospedale Gaslini di Genova a causa del coronavirus. A renderlo noto il nosocomio ligure attraverso una nota stampa, nella quale viene specificato che la piccola era un “soggetto fragile.

La bambina, una tra le più giovani vittimi del virus, si trovava in terapia intensiva da circa un mese a causa di una gravissima polmonite da covid e da sindrome autoinfiammatoria sistemica, caratterizzata da vasculite ed immunodeficienza (deficit di ADA2). Da anni era seguita al Centro Malattie Autoinfiammatorie e Immunodeficienze.

Aveva contratto il virus in famiglia e, inizialmente, trasferita a Pavia. Successivamente, con l’aggravarsi delle sua condizioni, è stata portata al Gaslini dove per supportare l’attività polmonare e dato che la ventilazione meccanica è risultata insufficiente, è stata sottoposta ad Ecmo.

L’ossigenazione extracorporea di cure e polmoni ha supportato la piccola per 3 giorni. Poi, purtroppo “la bambina ha sviluppato un quadro di emorragia digestiva e disfunzione multiorgano non controllabile nonostante la massimizzazione dei supporti vitali”.

La direzione ospedaliera ha espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia della piccola.

© Riproduzione riservata
Commenti