Politica
Commenta1

Consiglio comunale, impossibile voto
segreto a distanza: presentato odg

Consiglio comunale negato a due consiglieri, che non avevano possibilità di partecipare in presenza e che avevano quindi chiesto la possibilità di collegarsi in remoto. Cosa che non è stata possibile a causa del fatto che il Comune non dispone delle dotazioni tecnologiche necessarie a garantire l’espressione del voto segreto a distanza. E’ accaduto il 29 aprile, e la vicenda ha lasciato degli strascichi: i due consiglieri interessati, Santo Canale (PD) e Livia Bencivenga (Gruppo Misto) hanno infatti presentato un ordine del giorno in cui si impegna sindaco e giunta “a mettere prontamente in atto tutte le azioni necessarie al fine di redigere un regolamento per lo svolgimento in modalità telematica del Consiglio comunale previo adeguamento delle strumentazioni necessarie a garantirne la corretta esecuzione”.

“Noi eravamo assenti per giustificato motivo: io per lavoro e la collega perché si trovava in quarantena fiduciaria” spiega Santo Canale. “Anche il collega Simi aveva chiesto di poter partecipare in remoto. Ma ci è stato detto che con gli strumenti attualmente a disposizione del Comune questo non era possibile. Manca innanzitutto un regolamento specifico che consenta lo svolgimento da remoto delle sedute. Per ora ci stiamo appoggiando al decreto pandemico, ma l’occasione offerta da tale disposizione pone le condizioni per utilizzare lo strumento anche in periodo non emergenziale, incontrando le necessità di coloro che per comprovate esigenze non possano partecipare in presenza alle sedute”.

D’altro canto, specifica il consigliere, “Anci ha evidenziato come in molti Comuni italiani esista appunto un regolamento ad hoc. Credo sia importante poter svolgere il consiglio comunale in forma mista senza subire penalizzazioni in termini di voto e/o di presenza. Così come è’ importante che venga fatto un investimento sul fronte tecnologico per migliorare questa situazione” conclude Canale. lb

© Riproduzione riservata
Commenti