Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Urto tra taxi e autobus su piazzale
stazione: conducenti esasperati

L’urto, per fortuna senza gravi conseguenze, tra un autobus di linea e un taxi sul piazzale della stazione, riporta alla ribalta i problemi cronici di convivenza tra i diversi mezzi del trasporto pubblico, da quando è stata riformata la viabilità in zona. Oggi pomeriggio un taxi che si era appena mosso dalla sua postazione, con un cliente a bordo,  è incappato nell’autobus proveniente da via Dante, che stava per affrontare la curva della strada che poi conduce al capolinea. Il taxi è stato sospinto verso il marciapiede con la ruota e ha riportato danni alla carrozzeria.

“Qui non è questione di chi ha colpa”, afferma alterato Olivero Parmigiani, rappresentante dei taxisti CNA. “Oggi è successo per un attimo di distrazione che potrebbe capitare a chiunque, ma circostanze simili avvengono ogni giorno e iù volte al giorno. I bus non dovrebbero passare di qui, la strada è troppo stretta e non si capisce perchè debbano transitare anche i bus extraurbani, che potrebbero utilizzare vie alternative ad esempio via Stauffer.

“Siamo stanchi – aggiunge il rappresentante di taxisti –  di non avere risposte dall’amministrazione, questi problemi li segnaliamo da anni e da anni ci sentiamo rispondere che ci sono altre priorità. Per una volta vorremmo che la priorità fossimo noi”.

Le sigle sindacali di categoria hanno più volte sollecitato il Comune a dare una risposta, non solo in merito alla pericolosità di posteggi collocati alla stazione, ma anche rispetto ad altri problemi. Da ultimo, quello dei posteggi in piazza Roma: 12 le vetture regolamentari, ma con i nuovi plateatici concessi al bar in Galleria, i posti si sono ridotti e quattro di esse non ci stanno più. Nessuna risposta, affermano i taxisti, su dove ricollocarli. Non certo sul piazzale della stazione, dove i nove posteggi regolamentari sono più che saturi.

Di pochi giorni fa, l’ennesima lettera inviata dalla Cna agli assessori Pasquali e Manfredini che segnalava i problemi dei taxisti: tra gli altri sostituzione dei telefoni nella colonnina e ripristino del defribillatore, manomesso, e mai più ripristinato. “Essendo quella della stazione la postazione più utilizzata – scrivevano –  avevamo chiesto di ricalibrare i posti dedicati alla sosta. Vi chiediamo nuovamente di approfondire insieme agli uffici della mobilità in modo che sia garantito il carico e scarico e maggiore sosta. In Piazza Roma, alla luce delle recenti scelte di ampliamento dei plateatici (che condividiamo), attendiamo di essere convocati per condividere una nuova collocazione dei taxi in centro. Più visibile e più funzionale. Avevamo suggerito alcune ipotesi e restiamo in attesa di un gentile riscontro”.

gb

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.