Politica
Commenta

Virgilio (Pd): "Giusti i referendum
Lega-Radicali". Nuovo percorso

I referendum sulla giustizia promossi da Lega e Radicali stanno riscuotendo l’adesione anche di autorevoli esponenti del Pd. E a Cremona è il vicesindaco Andrea Virgilio ad essere pubblicamente intervenuto su radio Radicale, dichiarando che firmerà per i sei quesiti che vanno dalla separazione delle carriere alla riforma del Csm, dall’abolizione del decreto Severino alla responsabilità diretta dei magistrati.

“Credo che sia una scelta del tutto naturale e coerente alle culture riformiste che compongono il centro sinistra”, ha affermato il vice sindaco, “penso che sia una bella opportunità per diverse ragioni. Innanzitutto perché si sta facendo avanti una concezione di giustizia come una sorta di potere-fortezza e non come un potere che deve essere inserito all’interno di un sistema istituzionale. Penso inoltre che lo strumento referendario come strumento di supporto possa aprire a un processo importante di riforma. Siamo tutti consapevoli che la natura abrogativa del referendum non dà la possibilità di procedere in senso compiuto, articolato e organico, però lo strumento referendario ha come punto di forza la democrazia diretta che ci dà la possibilità di innescare un processo di riforma complementare a quello intrapreso dal governo. Non lo vedo come un percorso in contrapposizione ma come elemento di supporto”.

Ma il vicesindaco è andato anche oltre: dalla condivisione sui temi del referendum, si potrebbe arrivare anche ad una collaborazione ben più strutturale con la Lega: “Mi fa piacere che partiti che in passato hanno assunto atteggiamenti poco garantisti abbiano cambiato idea, abbiano assunto una posizione diversa. E credo che anche per queste ragioni il Partito Democratico dovrebbe intraprendere questo percorso. Come il Pd è alleato con la Lega all’interno del governo, seppur di emergenza post pandemica, allo stesso modo dovrebbe intraprendere un percorso non solo accanto al Partito Radicale ma anche accanto alla Lega.

“Da questo punto di vista – conclude Virgilio -.  non vedo elementi di contraddizione. Sono molto d’accordo con le parole di Goffredo Bettini e di Luigi Manconi quando dicono che la sfida della cultura garantista è una sfida che deve intraprendere anche il centro sinistra”.

I sei quesiti sulla giustizia hanno raccolto nella sola città di Cremona, oltre mille adesioni.

 

© Riproduzione riservata
Commenti