Cronaca
Commenta

Covid, anche la processione
dell'Assunta sarà contingentata

Misure stringenti per la Festa dell’Assunta, che dopo lo stop dello scorso anno causa pandemia, si torna a celebrare come da tradizione a Ferragosto sul Po, ma con qualche variazione e limitazione dovuta all’aumento dei contagi da Covid-19. Lo ha disposto il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, svoltosi nella mattina, durante il quale il Prefetto Vito Danilo Gagliardi ha esaminato, insieme al Vicario Generale della Diocesi di Cremona, Mons. Massimo Calvi, al sindaco del comune di Stagno Lombardo, Roberto Mariani, e alla presenza del Questore Carla Melloni e dei Comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri, Col. Giuliano Gerbo, e della Guardia di Finanza, Col.t.SFP Cesare Maragoni, le misure organizzative da adottare in vista delle celebrazioni religiose del 15 agosto prossimo.

L’evento prenderà il via alle 15 e ai fedeli sarà consentito seguire la manifestazione dall’argine del Po di fronte alle Canottieri di Cremona, mantenendo però il distanziamento e indossando la mascherina anche se all’aperto, come prevedono le normative in caso di ampia presenza di pubblico. Sul Grande Fiume la statua della Madonna di Brancere verrà portata in processione dalle imbarcazioni e durante la discesa saranno benedette le società rivierasche.

I fedeli potranno assistere all’arrivo a Brancere della Regina del Po, previsto per le 16.30 in località Isola Provaglio, ma poi dovranno prendere posto nel boschetto oltre l’argine dove alle17 verrà celebrata la Messa, senza poter partecipare quindi alla processione lungo la via Alzaia, che sarà riservata ai soli ministri di culto e personale necessario alle celebrazioni. Una disposizione presa per evitare assembramenti. Quest’anno l’intera manifestazione sarà trasmessa in diretta su Cremona1.

“L’attuale fase pandemica, con un recente aumento dei contagi, richiede un particolare sforzo da parte di tutte le componenti per evitare assembramenti e, di conseguenza, scongiurare il rischio di nuovi focolai di infezione nelle prossime settimane, tali da determinare situazioni di pericolo per la popolazione e comportare eventuali pressioni per il sistema sanitario locale” fanno sapere dalla Prefettura.

Federica Priori

 

© Riproduzione riservata
Commenti