Cultura
Commenta

Successo per l'ensemble "Violinissimo"
in chiusura del Summer Festival

L’intesa musicale era evidente così come il loro entusiasmo, capace di regalare al pubblico non soltanto un concerto dal programma vivace e dall’esecuzione notevole, ma anche una serata di emozioni. L’ensemble da camera ‘Violinissimo’ si è esibito nell’Auditorium Arvedi per il concerto conclusivo del “Cremona Summer Festival”, rassegna organizzata dalla Camera di Commercio in sinergia con l’amministrazione comunale e le realtà musicali del territorio che nel 2021 è tornata in presenza nonostante le difficoltà dell’attuale situazione sanitaria. Dopo la serata il 14 luglio con la ‘Britten Youth String Orchestra’ proveniente dai Paesi Bassi, il 29 luglio è arrivato il turno di ‘Violinissimo’ dalla Germania.

I giovani artisti si sono destreggiati con abilità fra pagine complesse, sempre con il sorriso sul volto e una resa complessiva che ha ottenuto calorosi applausi dagli spettatori. Il programma ha spaziato da Vivaldi a Bruch, da Bach a Pablo de Sarasate, toccando anche melodie tratte da canti popolari ebraici e danze greche.

I musicisti di Erding (Comune della Baviera) si sono esibiti secondo le indicazioni della violinista Ulli Büsel che ha fondato la compagine nel 2004 abituando i membri di ‘Violinissimo’ a muoversi sul palco senza direttore in maniera autodeterminata e indipendente. Anche al Museo del Violino il direttore musicale Büsel non impugnava la bacchetta sul podio, bensì sedeva fra il pubblico con lo sguardo colmo di orgoglio.

© Riproduzione riservata
Commenti