Ambiente
Commenta

Termovalorizzatore: fino a 380
mila euro in compensazioni

foto Sessa

Pronta una nuova convenzione che regola i rapporti tra Comune di Cremona e Linea Ambiente, per compensare la presenza del termovalorizzatore sul territorio comunale. La Giunta Galimberti ha approvato ieri il nuovo testo che stabilisce un compenso di 5,165 euro per ogni tonnellata di rifiuto conferito. Considerato che la potenzialità massima dell’impianto di San Rocco è di 70.000 – 75.000 tonnellate all’anno, quantititivi per la verità che difficilmente vengono raggiunti, il Comune potrebbe introitare dai 361.550 ai 387.375 euro l’anno.

Denaro che l’ente locale si impegna ad utilizzare per promuovere attività di carattere ambientale ed ecologico a vantaggio della collettivià, in collaborazione con scuole e con le associazioni. Il Comune al termine di ogni anno solare dovrà fornire a Linea Ambiente, subentrata ad Aem nella proprietà dell’ impianto che quindi gravita ormai del tutto nell’orbita di A2A, una relazione illustrativa sulle attività e sulle opere realizzate. Linea Ambiente si impegna a consentire eventuali attività di educazione ambientale con le scuole, anche tramite visite didattiche presso il Termovalorizzatore.

La convenzione rappresenta un aggiornamento di quella stipuata nel lontano 1997 tra Comune ed Aem e fissa come data di scadenza il 25 ottobre del 2029, quando decadrà l’autorizzazione integrata ambientale dell’impianto. Se da qui al 2029 l’autorizzaizone dovesse essere riesaminata, cambieranno anche i termini del contributo da riconoscere al Comune. gb

© Riproduzione riservata
Commenti