Cronaca
Commenta

Fine settimana tra profumi e colori,
tornano le Invasioni Botaniche

Cremona si prepara a diventare un tappeto fiorito per la nona edizione de “Le Invasioni Botaniche” in programma sabato 18 e domenica 19 Settembre nel centro della città. Un’edizione che celebra la ripartenza, il ritorno alla normalità dopo una stagione difficilissima. L’evento è stato presentato questa mattina, a palazzo Vidoni, dai presidenti Andrea Badioni e Eugenio Marchesi (per Confcommercio e Botteghe del Centro), Mimma Mercedes Meloni e Cristiana Ferrari Ratti (per PubliA e SGP Eventi), l’assessore al commercio del Comune Barbara Manfredin e si avvale del patrocinio e della collaborazione del DUC.

“Quello delle Invasioni è uno degli appuntamenti più attesi dell’intero calendario – introduce Eugenio Marchesi – E’ una delle manifestazioni più belle, quasi un cult capace di richiamare partecipanti anche da altre province. Al punto che, dal 2022, organizzeremo un’edizione primaverile e una autunnale, facendo sintesi dell’esperienza di questi anni”.

“Il tema del prossimo fine settimana sono le farfalle – conferma il direttore artistico dell’evento Mimma Mercedes Meloni – L’avevamo scelto come filo rosso della manifestazione qualche mese fa e lo abbiamo riconfermato, proprio perché simbolo di leggerezza e rinascita”.

“Le Invasioni sono una occasione di ripartenza – conferma raccogliendo il testimone l’assessore Barbara Manfredini – Sono una bella occasione di valorizzare la città. Penso alle vie del commercio ma anche ai giardini di piazza Roma, come luogo di incontro e di relazioni”.

“Ormai le Invasioni Botaniche sono una manifestazione affermata, capace di riscuotere un interesse crescente sia tra gli operatori che tra il pubblico – spiega Andrea Badioni – Davvero ringrazio Botteghe, PubliA e Sgp per quanto hanno saputo realizzare”.

In entrambe le giornate, dalle 9 alle 19, quasi una novantina di espositori porteranno nel centro della città i profumi, i sapori e i colori dell’autunno. I profumi saranno quelli dei fiori di stagione che con le loro tonalità calde daranno un’impronta autunnale a balconi e giardini. I sapori saranno quelli della zucca, dei peperoncini, delle spezie, dei frutti di bosco, del miele e dei formaggi, mentre i colori saranno quelli dell’alto artigianato presente con tante proposte dedicate alla casa e al giardino con vasi, mobili vintage, piccolo antiquariato, oggetti per la tavola, ma anche abiti e accessori per la prossima stagione.

Dalie, zinnie, viole, ciclamini e settembrini ci porteranno subito nel mood dell’autunno, ma a Le Invasioni Botaniche si potranno trovare tantissime altre piante.
Ci saranno le aromatiche da coltivazione biologica, annuali e perenni, che, insieme ai peperoncini, insaporiranno le ricette di fine estate. Si potranno raccogliere in vista della stagione fredda per preparare ottime tisane ed infusi.
L’inizio dell’autunno è il momento ideale per piantare bulbi, tuberi e rizomi che, in primavera, regaleranno bellissime fioriture. Gli stessi bulbi, piantati in un vaso e tenuti in un luogo fresco per un paio di mesi, potranno fiorire nelle case nel periodo delle feste.
Non mancheranno le rose, che potranno essere messe subito a dimora in un luogo soleggiato e riparato e poi potate in primavera.
Ci sarà la lavanda, utile per profumare armadi e cassetti e tutto l’occorrente per confezionare pot-pourri autunnali.
Sarà presente un vivaio specializzato in tillandsia, una pianta molto particolare, che non ha radici sotterranee e può essere coltivata su ogni tipo di supporto, come pietra o legno.
Ci saranno zucche ornamentali, piante grasse e succulente, bonsai e tanti tipi di orchidee.
La novità sarà il Marimo, un’alga giapponese a forma di sfera, che vive nell’acqua: impareremo a conoscerla e a prendercene cura.

Un punto di forza de Le Invasioni Botaniche è l’alto artigianato, con decine di espositori accuratamente selezionati nel tempo e qualche novità.
Per la prima volta saranno presenti accessori per i nostri amati quattrozampe : cappotti in maglia lavorati a mano, ma anche cuscini, guinzagli e accessori vari.
Ci saranno abiti e accessori in cachemire, seta e velluto, anche per bambini, bijoux, amuleti e gioielli, in argento e pietre dure e articoli per la casa come tessuti, cuscini, coperte in lana cotta, coltelli e oggetti di uso quotidiano, in ceramica e gres, lavorati a mano.
Ci saranno mobili da giardino e oggettistica vintage a tema floreale e, per chi non avesse il pollice verde, cactus in feltro o lavorati a crochet e fiori in ceramica.
Saranno presenti attrezzi per il giardinaggio e la manutenzione del verde come tosaerba, decespugliatori, irrigatori, terriccio e vasi in cotto toscano, anche dipinti. Un artigiano proporrà casette in legno per gli uccellini.

Ai Giardini Pubblici di Piazza Roma ci sarà la mostra open air “il giardino utopico”, a cura di Tapirulan, con le illustrazioni di Guido Scarabottolo tratte dal libro UTOPIA di Tommaso Moro, Edizioni Tapirulan.
L’allestimento della Pagoda sarà a cura di Linea Giardino con “petali e foglie”. Presso l’installazione, Sabato e Domenica, la flower designer Elena Mazzolari comporrà bouquet di fiori autunnali.
Sempre ai Giardini, ma nei pressi della fontana, “insolita fioritura”, con gli scenografici fiori di carta di Carpe Florem.
In Corso Campi, Francesca Boutique Chic proporrà “questa stanza non ha piu’ pareti” dove domenica mattina, alle 11 e 30, ci sarà un momento musicale con il Duo Diamanti.
In corso Garibaldi, Idea Verde Maschi allestirà, come sempre, lo spazio antistante Palazzo Calciati.
Lungo tutto il percorso espositivo, in una sorta di caccia al tesoro, ci divertiremo a scoprire le “sfarfalle” dell’artista Roberta Pagliari.
Per salvaguardare la sicurezza di tutti l’organizzazione ha deciso di non proporre, per questa edizione, attività collaterali e laboratori.
La partecipazione del pubblico sarà, come di consueto, libera e gratuita.

© Riproduzione riservata
Commenti