Cronaca
Commenta

Test salivari molecolari, al via
utilizzo in istituti sentinella

Parte domani, venerdì 17 settembre, anche in Ats della Val Padana il Piano per il monitoraggio della circolazione di SARS-CoV-2 nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, attraverso l’utilizzo dei test salivari molecolari. Sono stati individuati i primi due Istituti Scolastici sentinella per la nostra Ats, partendo dalle scuole che avevano preso parte alla sperimentazione tra fine maggio e il mese di giugno: l’Istituto Comprensivo Castiglione 1 per la provincia di Mantova e l’Istituto Comprensivo Cremona 2 per la provincia di Cremona, ai quali è stato chiesto di individuare una sezione dalla classe prima alla classe quinta per la scuola Primaria ed una sezione dalla classe prima alla classe terza per la scuola Secondaria di Primo Grado.

Le rilevazioni, all’istituto cremonese, sono fissate (sia per la scuola primaria Bissolati che per la scuola Secondaria di Primo Grado di via Trebbia) nelle seguenti date: il 17 settembre prima rilevazione, il 1 ottobre seconda rilevazione, il 15 ottobre terza rilevazione e il 29 la quarta rilevazione.

Il primo monitoraggio sarà condotto da personale di Ats della Val Padana addetto alla sorveglianza sanitaria in ambito scolastico, che guiderà bambini e ragazzi nell’utilizzo dei test con il coinvolgimento attivo dei referenti Covid delle scuole stesse, mentre per le successive rilevazioni i test salivari saranno consegnati direttamente alle scuole affinché si realizzi quel percorso di screening autonomo e siano i genitori stessi a somministrare il test ai propri figli.

Ats si occuperà poi del ritiro, trasporto, consegna ai laboratori identificati per la refertazione. In questa prima fase di avvio, gli esiti dei test saranno comunicati dall’agenzia, successivamente saranno caricati sul Fascicolo Sanitario Elettronico. Si ricorda che questi test salivari molecolari sono test meno invasivi e più semplici da utilizzare, in quanto basta chiedere ai ragazzi/bambini di tenere in bocca per circa un minuto un bastoncino.

Ats della Val Padana sta predisponendo il piano di monitoraggio con l’individuazione e calendarizzazione degli altri Istituti Scolastici sentinella che saranno coinvolti, per tutto l’anno scolastico, nel programma di screening con i test salivari molecolari.

In caso di positività del test molecolare su saliva non sarà necessario effettuare un test di conferma su un campione nasofaringeo/orofaringeo. La gestione dei casi positivi e dei contatti sarà eseguita dai Dipartimenti di Prevenzione e dai Medici di Medicina Generale/Pediatri di Libera Scelta in accordo alla normativa regionale e nazionale vigente. Il caso positivo e i suoi contatti saranno quindi presi in carico dagli operatori della sorveglianza sanitaria in ambito scolastico di Ats della Val Padana e seguiranno il normale percorso di isolamento/quarantena.

“L’esecuzione di test periodici ad un campione di studenti consente di quantificare la circolazione del virus anche nelle persone asintomatiche, al fine di realizzare provvedimenti atti a prevenire la comparsa di focolai intra-scolastici o di limitarne l’estensione, ridurre il rischio di diffusione dell’infezione in ambito familiare e ridurre il numero di persone (studenti, personale scolastico, familiari) da sottoporre a quarantena o ad isolamento” sottolineano dall’Ats.

“In termini epidemiologici, il piano di monitoraggio si propone di fornire informazioni aggiuntive sull’andamento dell’infezione da SARS-CoV-2 nei contesti scolastici, e in particolare in quelli in cui, per via dell’età, la vaccinazione non può allo stato attuale essere offerta”.

La partecipazione dello studente al piano di monitoraggio è libera, volontaria e può essere ritirata in qualsiasi momento durante l’anno scolastico. La mancata adesione all’esecuzione del test o il ritiro dell’adesione non preclude in alcun modo l’accesso a scuola e non comporta qualsiasi altro svantaggio per lo studente.

“Per aderire, i genitori dei ragazzi dovranno sottoscrivere un consenso informato da presentare il giorno della somministrazione, e auspichiamo che i genitori comprendano l’importanza di aderire a questa iniziativa che consente di monitorare l’andamento dell’epidemia individuando casi di positività asintomatici” dichiara la Responsabile Covid per le Scuole di Ats della Val Padana, Laura Rubagotti. “Ogni sforzo che si sta mettendo in campo, sotto l’egida della DG Welfare di Regione Lombardia – tamponi gratuiti in farmacia ogni 15 giorni per la fascia di età 6-11 anni, tamponi in farmacia a prezzo ridotto per tutti i ragazzi dai 12 anni in su, tamponi salivari a tappeto per tracciamento nel caso di positività scolastica e tamponi salivari periodi su classi a campione per un monitoraggio costante – sono finalizzati a rendere davvero possibile, per questo anno scolastico, una Scuola in Presenza”.

© Riproduzione riservata
Commenti