Cronaca
Commenta

Aggredì carabinieri durante controllo:
31enne portato al centro rimpatri

Si è conclusa con l’accompagnamento presso il Centro di permanenza per i rimpatri Corelli di Milano, l’aggressione perpetrata ai danni di due Carabinieri da parte di un  trentunenne marocchino, irregolare e senza fissa dimora, che lunedi 20 settembre si era opposto con violenza ad un controllo in zona stazione. L’uomo era stato portato a forza nella caserma santa Lucia dove era stati accertati numerosi precedenti a suo carico: destinatario di tre provvedimenti di espulsione, a cui era sempre riuscito a sottrarsi;  autore di una pluralità di reati, fra i quali alcuni riconducibili all’inottemperanza dell’ordine di abbandonare il territorio dello Stato.
Convalidato l’arresto e ottenuto il nulla osta all’espulsione da parte dell’Autorità Giudiziaria, l’Ufficio Immigrazione della Questura di Cremona ha attivato l’iter per eseguire il rimpatrio coatto. Il personale della Questura di Cremona ha adottato tutti gli adempimenti necessari per il definitivo rimpatrio dell’uomo e nella giornata di ieri è stato accompagnato nel Centro di permanenza per i rimpatri di Milano.
Al momento si trova ristretto in attesa di esecuzione del provvedimento di espulsione, mediante il quale farà ritorno in Marocco con contestuale divieto di rientrare nuovamente nel Territorio Nazionale.

I controlli in zona stazione e in altre aree sensibili della città rientrano nell’attività di  prevenzione in atto da qualche tempo, che nasce dalla collaborazione fra Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri.

Il coltello sequestrato al 31enne marocchino lunedi scorso

© Riproduzione riservata
Commenti