Cronaca
Commenta

Caccia al tampone: code davanti
alle farmacie e lunghe liste di attesa

La farmacia di Porta Venezia

Lunghe code davanti a numerose farmacie cremonesi, dove ogni giorno si stanno riversando migliaia di persone con l’intento di fare il tampone per ricevere il Green Pass provvisorio che consenta loro di poter lavorare. Una situazione ormai fuori controllo, e che si è scatenata a partire dal 15 di ottobre, ossia da quando tutti i lavoratori non vaccinati hanno dovuto correre ai ripari per pote accedere al proprio posto di lavoro.

Tra questi, chi non è stato sufficientemente lungimirante e non ha prenotato per tempo, si è trovato a dover fare i conti con lunghe liste di attesa: basti pensare che da Zamboni non c’è più posto fino a fine ottobre. E non sono messe diversamente le altre 120 farmacie del territorio che offrono questo servizio. Basti pensare che nella mattinata di lunedì il traffico era fortemente rallentato in prossimità di porta Venezia, a causa dell’assembramento nei pressi della farmacia Ziliotti, dove molte auto parcheggiano in doppia e tripla fila. O a Castelvetro, dove la farmacia Bossi si è trovata con decine di persone in coda.

Una situazione, insomma, piuttosto complicata per le farmacie, che devono affrontare ritmi di lavoro incredibili, ma anche per i cittadini, che ogni giorno si devono misurare col rischio di non riuscire a effettuare il tampone ogni 48 ore a causa delle liste di attesa. lb

Le code in farmacia a Castelvetro

© Riproduzione riservata
Commenti