Ambiente
Commenta

Parco del Po, vent'anni di storia
raccontati da Daniro Mandelli

Presentato in sala Puerari del Museo Civico il libro “PLIS del PO e del Morbasco – cultura, ambiente, paesaggio – guida ai territori del Parco
Locale di Interesse Sovracomunale”, dedicato alla storia oramai ventennale del Parco del Po e del Morbasco e dei vari aspetti che nel tempo lo hanno creato, plasmato, fatto conoscere alla cittadinanza del territorio cremonese e non solo.
Un interessante viaggio, grazie al contributo dell’ex dipendente del Comune di Cremona Daniro Mandelli ed introdotto dal giornalista Fulvio Stumpo, giornalista e appassionato di  storia del Fiume.

La pubblicazione, a carattere divulgativo, ripercorre sia gli aspetti ambientali e paesaggistici del Parco, quanto gli strumenti di gestione e pianificazione dello stesso, che hanno consentito la sua creazione, tutela e recente ampliamento.
La presentazione, a cui hanno partecipato il vicesindaco Andrea Virgilio, l’assessore ai Sistemi museali Luca Burgazzi, l’assessore al Verde Rodolfo Bona, l’assessore all’Ambiente Simona Pasquali, la dirigente del Settore Area Vasta Rigenerazione Urbana Quartieri e Ambiente Mara Pesaro, i rappresentanti e Sindaci dei Comuni del Parco, di MabUnesco, di alcune associazioni ambientaliste cremonesi, delle GEV del Plis del Po e del Morbasco, di Aipo e di alcuni Consiglieri comunali, si è dipanato quindi tra un sapiente intreccio di natura, storia, immagini e fotografie, oltre che aspetti più normativi, i quali hanno negli anni donato una propria identità e riconoscibilità al Plis del Po e del Morbasco, in qualità anche di area verde capace di creare risorsa per la cittadinanza e luogo di benessere fruibile da tutti coloro che vogliono vivere la natura anche a due passi da casa.
Non sono stati dimenticati anche aspetti maggiormente collegati alle proposte di educazione ambientale, rivolti anche recentemente alla cittadinanza, grazie alla proficua collaborazione tra i Comuni del Plis, le GEV, esperti del settore ed il personale comunale, come ad esempio:
CamminaForeste Urbane e Bioblitz.
Come ha sostenuto il Vicesindaco Andrea Virgilio “raccontare il territorio e le sue peculiarità richiede in particolare due ingredienti fondamentali: una profonda conoscenza e un grande senso di dedizione alle tematiche ambientali. Uno stimolo importante per tutti noi che siamo chiamati a valorizzare e tutelare il nostro territorio ed il Grande Fiume che lo percorre; il nostro fiume che diventa oltre che un corridoio ecologico, anche un tramite sociale e di tradizioni condivise createsi nel tempo, poiché lungo le sue sponde hanno preso vita non solo specie animali e vegetali, ma una parte del nostro vissuto e radici comuni, che abbiamo il piacere di ripercorre anche grazie all’esperienza di Mandelli rappresentata in questo libro”.
L’opera è stata realizzata in collaborazione con il personale del Settore Area Vasta Rigenerazione Urbana Quartieri e Ambiente.

© Riproduzione riservata
Commenti