Cronaca
Commenta

Scritte anarchiche sui muri
dei musei. In 4 a processo

Nel febbraio del 2018 sui muri di diversi monumenti di Cremona erano comparse scritte contro la polizia e slogan anarchici. In particolare erano state deturpate le superfici di due edifici storici di proprietà del Comune di Cremona, le colonne del portico del Museo del Violino e i basamenti delle colonne all’ingresso del Museo Civico di via Ugolani Dati.

Per quegli episodi di danneggiamento la Questura aveva ritenuto responsabili quattro appartenenti del centro sociale Kavarna di Cremona che erano stati identificati grazie ad una segnalazione alla squadra Volante e grazie alla visione delle immagini delle telecamere della zona. Tutti erano stati denunciati. Ora a processo ci sono Andrea Tronco, 38 anni, Emanuele Mussi, 32 anni, Alessandro Francesco Azzali, 32 anni e Nadia Thairi, 31 anni. Il procedimento nei confronti dei quattro imputati, difesi dall’avvocato Sergio Pezzucchi, si aprirà il prossimo mese di marzo.

Le scritte erano state prontamente rimosse dal Comune che aveva affidato i lavori di pulizia alla ditta 2R Costruzioni per un totale di 1.098 euro. L’ennesimo intervento che l’amministrazione comunale era stata costretta a mettere in atto per ripulire i danni provocati dai vandali su monumenti ed edifici pubblici cittadini.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti