Spettacolo
Commenta

L'ensemble Aksak Project celebra
il 25esimo con il disco “Argonauti”

Ricorreva nel 2021 il 25° anno di attività dell’ensemble Aksak Project, fondato dal polistrumentista e compositore cremonese Achille Meazzi insieme con altri artisti appassionati di musica dal mondo. Per l’occasione il gruppo ha inciso un nuovo disco, “Argonauti”, che ora attende di essere ufficialmente presentato al pubblico.

Il video di una traccia ‘Naos’, è comparso sulla pagina Facebook degli Aksak Project innescando la curiosità del pubblico, consapevole del viaggio musicale che ogni nuovo album del gruppo rappresenta: se l’agorà d’acqua di riferimento del progetto di solito è il Mediterraneo, stavolta c’è un itinerario in più verso l’America Latina.

Per i brani come di consueto vengono utilizzati strumenti recuperati nello spazio e nel tempo dalla famiglia Meazzi, che ha lavorato al disco insieme con Nico Catacchio al contrabbasso e Nicola Mantovani ai saxofoni, oltre a diversi featuring. Gli artisti, come in una moderna trasposizione degli “Argonauti” di Apollonio Rodio, vanno in cerca del ‘vello d’oro’ che qui è una musica trasversale alle culture.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti