Spettacolo
Commenta

"Brividi" Disco di Platino
in meno di due settimane

Il brano vincitore della 72esima edizione del Festival di Sanremo, Brividi di Mahmood e Blanco, scritto e prodotto in provincia di Cremona, a Vescovato, è certificato Disco di Platino, e conquista un nuovo primato: è record per le copie vendute di un singolo, nelle prime due settimane di rilevazione.

Rimane #1 nella classifica Fimi/GfK dei singoli più venduti in Italia per la seconda settimana consecutiva, #1 su tutte le piattaforme digitali, e #1 della classifica EarOne delle canzoni più trasmesse in radio della settimana.

Presentato sul palco più prestigioso d’Italia con un’esibizione straordinaria, il brano è stato il più ascoltato di sempre in un giorno su Spotify Italia con 3.384.192 stream nelle prime 24 ore di release, un record che si aggiunge al più alto debutto di sempre per una canzone italiana in posizione #5 nella classifica global della piattaforma.

Brividi è ancora al #1 su Spotify, dove attualmente conta oltre 34 milioni di stream, e ha esordito in posizione #1 nella Top Songs Debut Global di Spotify (settimana 4-6 Febbraio). A questi risultati si sommano i 23 milioni di visualizzazioni realizzate dal videoclip ufficiale.

Scritta da Mahmood & Blanco e composta assieme al vescovatino Michelangelo, che ne è anche produttore, Brividi è una ballad romantica con pianoforte e archi che richiamano l’arrangiamento d’orchestra. Allo stesso tempo ha un sapore moderno in cui le voci e i punti di vista dei due artisti, nonostante i 10 anni di differenza, si intrecciano in perfetta armonia per raccontare come la paura di essere inadeguati, quando si parla d’amore, appartenga a tutte le generazioni.

Il videoclip, girato ad Amsterdam e diretto da Attilio Cusani, traduce in immagini le due storie raccontate con intensità nelle strofe del brano. I protagonisti si alternano così come gli scenari che ricreano l’idea della libertà tutta da percorrere sulle bici di diamanti realizzate per loro con cristalli Swarovski, puntando al cielo.

© Riproduzione riservata
Commenti